MISTER FELICITÀ

MISTER FELICITÀ
di Alessandro Siani


Nonostante il buon talento comico di Alessandro Siani, Mister Felicità è una commedia priva di mordente, esile nel suo intreccio, poco più di una traccia a tenere insieme una sequenza di gag sempre più risapute.

Life coach per caso

Martino, giovane napoletano indolente e disilluso, vive in Svizzera insieme a sua sorella Caterina, che lavora come domestica in casa di Guglielmo Gioia, un noto mental coach. Quando un improvviso incidente costringe Caterina in ospedale, Martino decide di prendere il posto di sua sorella alle dipendenze di Gioia; ma la temporanea partenza del coach per un viaggio, una casuale telefonata, e la prospettiva di un guadagno immediato, spingono il giovane a fingersi suo assistente. La necessità di un costoso intervento per Caterina convince Martino a prolungare l’inganno: quando la famiglia di Arianna Croft, campionessa di pattinaggio caduta in depressione, si rivolge allo studio di Gioia, il giovane decide di cercare a suo modo di “curarla”. Inaspettatamente, tra i due nasce una simpatia che sembra migliorare l’umore di Arianna… ma l’inganno di Martino non potrà durare a lungo.

Leggermente distaccato dalle uscite natalizie (capitanate dai titoli “di punta”, ma invero meno fortunati del solito, Un Natale al Sud, Poveri ma ricchi e Natale a Londra) giunge in sala anche questo Mister Felicità, nuova commedia di Alessandro Siani. Una comicità, quella di Siani, il cui sapore tipicamente locale non le impedisce di declinarsi anche su palcoscenici internazionali (qui le Alpi Svizzere) e di interfacciarsi con nomi di peso, appartenenti alle generazioni precedenti di interpreti dell’italica commedia, quali Diego Abatantuono. Qui, oggetto degli sberleffi dell’attore/regista napoletano è da una parte il fenomeno dei “life coach”, con tutta la retorica e la paccottiglia new age che questo porta con sé; dall’altra, una certa figura di giovane italiano “scoraggiato” (quello che le rilevazioni Istat collocano al di fuori del mercato del lavoro) che la crisi economica ha posto in primo piano nel corso degli ultimi anni.

Sulla scena di un canovaccio comico collaudato, di chiara derivazione cabarettistica, Siani costruisce con questo Mister Felicità una commedia basata sulla più classica sostituzione di persona, rigorosamente pensata per un pubblico di famiglie (la volgarità è del tutto bandita), inevitabilmente infarcita di macchiette e “tipi” cinematografici: in mezzo, una love story che è riscoperta di sé e delle proprie potenzialità (affidata al personaggio di Elena Cucci, già vista in Viva l’Italia di Massimiliano Bruno), oltre a una celebrazione, al di là e al di sopra delle difficoltà, della forza salvifica dei legami familiari.

Quella che Siani mostra in Mister Felicità è una comicità immediata e di facile presa, pensata per un pubblico di famiglie, non priva (nel suo carattere macchiettistico) di una buona fisicità e di qualche momento di arguzia. Tra questi ultimi, è da ricordare, in quest’ultimo lavoro, la divertente sequenza ambientata in un bagno pubblico (con tanto di lavandini capricciosi) chiaramente debitrice alla tradizione della commedia slapstick; oltre alle sequenze derivate da qualche divertente e riuscito “innesto” (il camionista romano). Il volto eternamente spaesato del protagonista, programmaticamente teso a rappresentare l’uomo della strada – con tutte le semplificazioni del caso – favorisce facilmente l’immedesimazione e l’empatia per il target di riferimento del film.

Mister Felicità, spiace dirlo, incarna comunque in sé tutti i vizi dell’attuale commedia italiana, appena mitigati dalla presenza di un protagonista che, pur non privo di talento comico, non è (e forse non sarà mai) uno sceneggiatore né un regista. L’intreccio, poco più di un’esile traccia a tenere insieme (male) una sequenza di gag sempre più risapute, inanella trascuratezze una dietro l’altra, mette insieme situazioni improbabili (la sequenza del pronto soccorso è quanto di più gratuito e narrativamente assurdo si possa immaginare) e smarrisce inopinatamente per strada pezzi di trama che parevano fondamentali (che fine fanno i 20.000 euro inizialmente necessari per l’operazione della sorella del protagonista?).

Siani cerca come può di vestire i panni del giovane scoraggiato, segnalandosi più per un catalogo di buone intenzioni che per la pregnanza della sua comicità; al di là della residua, eccessiva tendenza a ricalcare i personaggi (e il modello di recitazione) di Massimo Troisi, l’inconsistenza della figura che l’attore/regista si cuce addosso non può che influire negativamente sul risultato finale. Un intreccio prevedibile e pretestuoso, non risollevato neanche da un Abatantuono che fa (come spesso gli capita negli ultimi tempi) il minimo sindacale, nonché puntellato da una stanca e inconsistente love story, consegna questo Mister Felicità a un prematuro anonimato. Un saggio dell’inopinata voglia di strafare di un interprete che in passato, laddove decentemente diretto (ne è un esempio il campione di incassi Benvenuti al Sud) è riuscito a raggiungere anche risultati apprezzabili.

Titolo originale: Mister Felicità
Regia: Alessandro Siani
Paese/anno: Italia / 2017
Durata: 90’
Genere: Commedia
Cast: Alessandro Siani, Carla Signoris, Cristiana Dell'Anna, David Kirk Traylor, David Paryla, Diego Abatantuono, Elena Cucci, Ernesto Mahieux, Felicitè Mbezelè, Franco Moscon, Giuseppe Russo, Marco Boriero, Michele Gammino, Pippo Lorusso, Yari Gugliucci
Sceneggiatura: Alessandro Siani, Fabio Bonifacci
Fotografia: Paolo Carnera
Montaggio: Valentina Mariani
Musiche: Umberto Scipione
Produttore: Giovanni Stabilini, Riccardo Tozzi
Casa di Produzione: Cattleya, Rai Cinema
Distribuzione: 01 Distribution

Data di uscita: 01/01/2017

Marco Minniti

Giornalista pubblicista e critico cinematografico. Collaboro, o ho collaborato, con varie testate web e cartacee, tra cui (in ordine di tempo) L'Acchiappafilm, Movieplayer.it e Quinlan.it. Dal 2018 sono consulente per le rassegne psico-educative "Stelle Diverse" e "Aspie Saturday Film", organizzate dal centro di Roma CuoreMenteLab. Nel 2019 ho fondato il sito Asbury Movies, di cui sono editore e direttore responsabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *