TOMB RAIDER

TOMB RAIDER
di Roar Uthaug


Dai valori produttivi nettamente più alti rispetto alle precedenti incarnazioni del personaggio, diretto da un regista talentuoso come Roar Uthaug, il nuovo Tomb Raider soffre tuttavia di un plot esile ed eccessivamente lineare, apparendo più come un enorme prologo che come un film compiuto.

Provaci ancora, Lara

Dopo il non esaltante trattamento che il cinema ha riservato, ormai oltre un decennio fa, alla più famosa eroina della storia dei videogiochi – nei dimenticabili Lara Croft: Tomb Raider e Tomb Raider – La culla della vita, risalenti rispettivamente al 2001 e al 2003 – il personaggio di Lara Croft sembrava ormai condannato, cinematograficamente parlando, a un precoce oblio. A rimettere in discussione questo assunto, sospinto dal recente reboot della stessa saga videoludica (il Tomb Raider del 2013, frutto della rielaborazione del personaggio per opera della scrittrice Rhianna Pratchett) arriva ora questo film diretto dal norvegese Roar Uthaug, che punta a dare finalmente spessore cinematografico a una figura di eroina che, nella sua concezione, proprio dal grande schermo tante suggestioni aveva tratto.

La Lara Croft di questo reboot, figlia del magnate e archeologo Lord Richard, è una giovane che sbarca il lunario con lavoretti saltuari, rifiutandosi di entrare in possesso dell’enorme patrimonio di famiglia: suo padre, infatti, è stato dichiarato disperso in una delle sue spedizioni, e la ragazza, che non ha mai disperato di ritrovarlo in vita, rifiuta di firmare i documenti che ne attesterebbero la morte. Quando Lara viene in possesso di una lettera di Richard contenente una misteriosa chiave, l’enigma sull’ultimo viaggio di suo padre sembra iniziare a sciogliersi: l’uomo si sarebbe infatti recato su un’isola al largo delle coste del Giappone, alla ricerca del corpo di un’oscura regina. Nella lettera, Richard fa anche cenno a una misteriosa organizzazione che sarebbe interessata alla scoperta, e di cui riteneva necessario contrastare le mire. Lara, rinvenendo così una traccia della possibile ubicazione di suo padre, decide di mettersi alla sua ricerca.

La regia di un cineasta giovane e già molto apprezzato come Uthaug, una produzione di livello medio-alto (il budget ammonta a 94 milioni di dollari), una location dal fascino esotico (un’isola giapponese ricreata negli esterni dell’africana Cape Town) e una protagonista lanciata come Alicia Vikander, mostrano chiaramente le ambizioni di questo nuovo Tomb Raider, pensato come possibile primo episodio di un nuovo e ipotetico franchise. Un franchise che, nelle intenzioni della produzione, potrebbe essere incluso in un universo condiviso con altre, programmate trasposizioni videoludiche (Just Cause, Hitman, Deus Ex, Thief), e la cui prosecuzione viene chiaramente richiamata – diremmo auspicata – nella conclusione della vicenda.

Una vicenda qui più attenta, rispetto a quanto accadeva nelle precedenti incarnazioni del personaggio, a delinearne il background, preoccupandosi di fornire un convincente sfondo a quella che viene presentata come la “formazione” per l’ancor giovane eroina. Al centro del racconto, il cui intreccio è mutuato nelle sue linee principali dal plot del videogioco del 2013, il leggendario regno medievale di Yamatai, guidato dall’oscura e pericolosa regina Himiko: nomi e suggestioni, questi ultimi, che tante volte sono finiti nella narrativa popolare e nella cultura di massa nipponiche – e non solo – a partire da un anime iconico per tanti quarantenni dell’attuale generazione, quello di Kotetsu Jeeg o (come lo conosciamo in Italia) Jeeg Robot d’Acciaio.

Dai valori produttivi nettamente più alti rispetto ai due episodi del decennio scorso, il nuovo Tomb Raider si giova di una buona regia, di un ritmo sostenuto, di una messa in scena accattivante per larghi tratti della sua durata. Il plot avventuroso, pur nella sua semplicità, riesce a incuriosire e coinvolgere, mentre la parte iniziale del film è costruita – con intelligenza – allo scopo di far entrare con naturalezza lo spettatore nel mondo dell’eroina. Un’eroina che, col volto di un’efficace Alicia Vikander, acquista finalmente uno spessore tridimensionale, grazie a un racconto teso a cogliere soprattutto quella che è la sua “formazione”. Da parte del giovane ma già esperto Roar Uthuag (al suo attivo il disaster movie The Wave) si nota un’efficace concezione e direzione delle sequenze d’azione, oltre a un pregevole piano sequenza posto a metà film, a conferma di una buona attenzione per la confezione generale del film.

Pur distaccandosi dunque (in meglio) dai due film interpretati da Angelina Jolie, questo reboot ha tuttavia – ancora una volta – nella sceneggiatura il suo punto debole, segnalandosi per un plot oltremodo esile e fin troppo lineare, e per una deludente costruzione e resa dei personaggi. Si fa fatica, a più riprese, a sospendere l’incredulità di fronte alle peripezie vissute dalla protagonista, ma non è neanche questo il problema principale del film: il punto, piuttosto, è che siamo di fronte a una vicenda che si svolge esattamente nel modo che ci si aspetterebbe, con un climax mal gestito e una quest che viene risolta in modo affrettato e superficiale, punteggiata da comprimari (a partire dal villain col volto di Walton Goggins) che restano poco più che figurine. La stessa spalla dell’eroina, il marinaio interpretato da Daniel Wu, si rivela praticamente sprecato, restando assente dalla storia per tutta la sua fase centrale.

Alla fine di questo Tomb Raider versione 2018, resta soprattutto l’amaro in bocca per una vicenda che dà l’impressione di essere (più che altro) un gigantesco prologo, una preparazione a una prosecuzione della serie che, pur adocchiata nell’esplicito finale, resta in realtà tutt’altro che scontata. E nel frattempo, nonostante gli indiscutibili passi avanti fatti rispetto ai due film dello scorso decennio, il personaggio di Lara Croft aspetta ancora un’incarnazione cinematografica che risulti del tutto soddisfacente.

Titolo originale: Tomb Raider
Regia: Roar Uthaug
Paese/anno: Regno Unito, Stati Uniti / 2018
Durata: 118’
Genere: Avventura, Azione
Cast: Alicia Vikander, Antonio Aakeel, Daniel Wu, Derek Jacobi, Dominic West, Duncan Airlie James, Emily Carey, Hannah John-Kamen, Kristin Scott Thomas, Maisy De Freitas, Nick Frost, Walton Goggins
Sceneggiatura: Alastair Siddons, Geneva Robertson-Dworet
Fotografia: George Richmond
Montaggio: Stuart Baird
Musiche: Junkie XL
Produttore: Gary Barber, Graham King
Casa di Produzione: GK Films, Metro-Goldwyn-Mayer, Square Enix, Warner Bros.
Distribuzione: Warner Bros.

Data di uscita: 15/03/2018

Marco Minniti

Giornalista pubblicista e critico cinematografico. Collaboro, o ho collaborato, con varie testate web e cartacee, tra cui (in ordine di tempo) L'Acchiappafilm, Movieplayer.it e Quinlan.it. Dal 2018 sono consulente per le rassegne psico-educative "Stelle Diverse" e "Aspie Saturday Film", organizzate dal centro di Roma CuoreMenteLab. Nel 2019 ho fondato il sito Asbury Movies, di cui sono editore e direttore responsabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *