SONIC – IL FILM

SONIC – IL FILM
di Jeff Fowler


Sonic – Il film è una pellicola di fantascienza che stupisce: Jeff Fowler riesce ad andare ‘oltre’ l’insidioso rischio del già visto, attraverso un trio di protagonisti – e antagonisti – pieno di verve, che spingeranno lo spettatore a sentirsi irrimediabilmente conteso nella partita giocata tra buoni e cattivi; dal punto di vista espressivo, l’uso della difficile tecnica mista riesce perfettamente. La magia può prendere vita sugli schermi.

Un diavolo blu super-sonic(o)

Jeff Fowler è un regista ancora poco noto (con diverse esperienze nel campo dell’animazione e delle serie tv americane), eppure con Sonic The Hedgehog (titolo originale di Sonic – Il film) intraprende un lavoro ottimo, riuscendo a disinnescare la miriade di pericoli che rendevano la realizzazione di questo film un compito arduo; sia per l’utilizzo della “tecnica mista” (un connubbio di live action e animazione che ricorda lo storico Space Jam del ‘96), sia per il doversi confrontare con il Super Mario Bros. della concorrente Nintendo (il cui film uscì nel lontano ’93), nonché con la miriade di produzioni cinematografiche che negli ultimi anni si sono succedute portando sugli schermi i protagonisti di celebri videogiochi (da Final Fantasy a Tomb Raider e Resident Evil, oltre ai più datati Mortal Kombat e Street Fighter) e – più in generale – i personaggi nati in universi fantastici molteplici come quelli del mondo Marvel o DC: vere e proprie epopee fantascientifiche che stanno riscuotendo enorme successo, non solo tra i più giovani, ma spesso anche fra gli adulti.

Sonic è la storica mascotte della Sega – celebre rivale nipponica della Nintendo – i cui videogiochi, ispirati al personaggio, esplosero negli anni ’90, riscuotendo grande successo anche su altre piattaforme, come la Nintendo stessa e – successivamente – la PlayStation e la X-Box. Nella trasposizione cinematografica di Fowler, ritroviamo il personaggio Sonic (con la voce di Ben Schwartz) con tutte le sue caratteristiche: un riccio alieno con il superpotere della velocità, di colore blu elettrico, che non manifesta solo una “simpatia cromatica”, ma un reale legame con l’elettricità sprigionata ogni volta, in cui raggiunge livelli altissimi (come accade anche a Flash, il celebre personaggio a fumetti della Dc Comics).

Oltre a Sonic, attorno al quale ruota tutta la narrazione, troviamo il suo acerrimo nemico, il Dott. Eggman, scienziato e specialista in robotica, vero e proprio ‘genio del male’, interpretato dal fenomenale Jim Carrey.

Anche in questo, Fowler è stato bravissimo, perché, inaspettatamente, la controparte buona di Eggman Robotnik, lo sceriffo Tom Wachowski – interpretato da James Marsden – riesce a reggere il confronto con un attore e un personaggio di un calibro enorme, qual è Jim Carrey; Marsden, dal canto suo, non è nuovo a questo genere cinematografico, avendo recitato nel ruolo di Scott (Ciclope) nella celebre trilogia fantascientifica degli X-Men.

Tuttavia, la vera particolarità di Sonic – Il film (nella sceneggiatura e nella realizzazione scenica), sta – principalmente – nel porre enfasi sulle due solitudini di Sonic e del “cattivo” Eggman: l’uno reso “solo” dai suoi superpoteri – che lo spingono a vivere nascosto nella piccolissima cittadina di Green Hills, l’altro auto-emarginatosi dal mondo a causa di un QI (quoziente intellettivo) al di sopra della media, che lo ha fatto sempre sentire incompreso dal resto del mondo.

Entrambe queste solitudini, infatti, vengono approfondite e sviluppate nel corso del film, attraverso scene particolari e iconiche, come – per esempio – quella in cui Sonic gioca da solo a baseball (generando il black out di tutta la zona circostante) o le immagini in cui Robotnik si trova –maniacalmente – da solo a congegnare i suoi piani. Una delle abilità del regista sta nel saper alternare queste incursioni introspettive nell’animo umano a uno “spirito ironico” di cui sono dotati in egual misura sia Sonic che Eggman – come pure lo sceriffo Tom; ragion per cui ci sarà sempre una battuta brillante, anche nei momenti più drammatici, che sono numerosi.

Altro punto di forza del film, la capacità di saper citare in corso d’opera produzioni fantascientifiche precedenti, da Men in Black fino a Spider-Man e Flash, che permetterà alla narrazione di risultare originale e credibile anche nei momenti in cui si produrranno nella mente dello spettatore inevitabili analogie con altri universi fantastici: nulla viene copiato, ma tutto viene integrato (in modo trasparente) all’interno di una visione nuova e personale di una storia d’avventura.

Certo, ci sarà sempre la classica divisione tra “buoni” e “cattivi”, ma – anche qui – con una tonalità particolare, perché si sarà portati a empatizzare, nella stessa misura, con tutti i personaggi, e il film non risulterà mai moralistico (o manicheo), come succede in alcune interpretazioni dei supereroi americani di stampo giustizialista (in cui ci si aspetta che il malvagio di turno venga punito duramente). Anzi, uno dei paradossi più riusciti sarà il fatto che lo sceriffo Tom dovrà infrangere parecchie regole (e leggi!) per aiutare l’alieno riccio blu, mentre lo scienziato matto sarà sempre legittimato e autorizzato dal governo (e dalla legge) nei suoi tentativi di catturare Sonic. Nessun moralismo dunque, ma tanta ironia.

Per finire, ci piace segnalare come Sonic sia terrorizzato all’idea di doversi rifugiare in uno dei tanti “mondi paralleli” (ai quali ha accesso tramite gli anelli magici): questo mondo è il mondo dei funghi; e allora, come non pensare al rivale di videogiochi Super Mario? Sì, perché – per chi non lo sapesse – Super Mario vive nel mondo dei funghi, nel quale compie la maggior parte delle sue missioni!

Concludendo, il lavoro di Fowler in Sonic – Il film è più che buono. e ha il pregio di far apparire semplice una costruzione narrativa e realizzativa che è invece molto elaborata e complessa. Una vera operazione da artigiano, in cui una colonna sonora molto rock riesce ad accompagnare perfettamente l’intera evoluzione del film.

Sonic - Il film poster locandina

Titolo originale: Sonic The Hedgehog
Regia: Jeff Fowler
Paese/anno: Canada, Giappone, Stati Uniti / 2020
Durata: 100’
Genere: Animazione, Avventura, Fantastico
Cast: Adam Pally, Bailey Skodje, Ben Schwartz, Bethel Lee, Debs Howard, Elfina Luk, Emma Oliver, Frank C. Turner, James Marsden, Jeanie Cloutier, Jeff Sanca, Jeremy Arnold, Jim Carrey, Leanne Lapp, Lee Majdoub, Lisa Chandler, Melody Nosipho Niemann, Michael Hogan, Natasha Rothwell, Neal McDonough, Nicholas Dohy, Shannon Chan-Kent, Tika Sumpter, Tom Butler
Sceneggiatura: Josh Miller, Patrick Casey
Fotografia: Stephen F. Windon
Montaggio: Debra Neil-Fisher, Stacey Schroeder
Musiche: Junkie XL
Produttore: Dan Jevons, Dmitri M. Johnson, Mie Onishi, Neal H. Moritz, Takeshi Ito, Toru Nakahara
Casa di Produzione: Blur Studio, DJ2 Entertainment, Marza Animation Planet, Original Film, Paramount Animation, Paramount Pictures, Sega, Sega Sammy Group, Stories International
Distribuzione: 20th Century Fox

Data di uscita: 13/02/2020

Sara Gallaccio

Appassionata di filosofia con un’attenzione particolare rivolta alla storia delle religioni, all’antropologia e alla diverse forme d’arte, si è specializzata in pratiche filosofiche nel 2018, presso la SUCF di Roma. Come giornalista si occupa di cultura, cinema, politica e attualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *