BEN AFFLECK PARLA DELLA SUA LOTTA CON L’ALCOLISMO E DELLA RINUNCIA A THE BATMAN

BEN AFFLECK PARLA DELLA SUA LOTTA CON L’ALCOLISMO E DELLA RINUNCIA A THE BATMAN
In un'intervista al New York Times, l'attore ha rivelato che la decisione di rinunciare al film Warner è stata influenzata anche dalle sue precarie condizioni, e dalla decisione di disintossicarsi.

È passato circa un anno da quando Ben Affleck ha deciso di rinunciare al ruolo di protagonista nel previsto nuovo film Warner/DC The Batman, dopo aver interpretato due volte il ruolo del Caveliere Oscuro in Batman v Superman: Dawn of Justice e Justice League. L’attore e regista americano è tornato sull’argomento in un’intervista al New York Times, in cui ha parlato anche, diffusamente, della sua battaglia contro l’alcolismo. Una battaglia vinta anche grazie a quella rinuncia.

Affleck aveva scritto un suo copione per The Batman, diverso da quello che poi è stato utilizzato da Matt Reeves per dirigere il film. “L’ho fatto vedere a qualcuno, lo script”, ha rivelato l’attore. “Mi hanno detto: ‘Credo che sia buono. Credo anche che berrai fino ad ammazzarti, se attraversi di nuovo quello che hai appena attraversato’”. Il riferimento è alle travagliate vicende produttive di Justice League, film che contribuì grandemente alla crisi personale dell’attore, oltre a totalizzare incassi complessivamente inferiori alle aspettative.

Ben Affleck ha parlato diffusamente, e in modo molto aperto, della sua dipendenza, rivelando del suo periodo in riabilitazione e dell’aiuto ricevuto da colleghi come Bradley Cooper e Robert Downey Jr. “Una cosa che penso della riabilitazione è che le persone a volte non capiscono che questa ti inculca certi valori”, ha detto Affleck. “Sii onesto. Sii affidabile. Aiuta le altre persone. E scusati quando sbagli”.

Il nuovo film interpretato da Affleck, Tornare a vincere – in uscita negli USA il 6 marzo – sarà proprio incentrato su un personaggio in lotta contro la dipendenza da alcol. Si tratterà della storia di un ex campione di basket caduto in depressione dopo la morte di sua moglie, che cerca di rimettersi in sesto allenando una squadra di studenti liceali. Il regista del film è David O’Connor, che ha girato il film da una sceneggiatura scritta da lui stesso insieme a Brad Ingelsby. “Non sono mai fuggito davanti al rischio”, ha detto a proposito Affleck. “Ma per me, nel casto di Tornare a vincere, i benefici hanno di gran lunga superato i rischi. L’ho trovato molto terapeutico”.

Marco Minniti

Giornalista pubblicista e critico cinematografico. Collaboro, o ho collaborato, con varie testate web e cartacee, tra cui (in ordine di tempo) L'Acchiappafilm, Movieplayer.it e Quinlan.it. Dal 2018 sono consulente per le rassegne psico-educative "Stelle Diverse" e "Aspie Saturday Film", organizzate dal centro di Roma CuoreMenteLab. Nel 2019 ho fondato il sito Asbury Movies, di cui sono editore e direttore responsabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *