I’M A KILLER MAID: UNA NUOVA SERIE TV DA UN FUMETTO CINESE

I’M A KILLER MAID: UNA NUOVA SERIE TV DA UN FUMETTO CINESE
fonte: Variety, /Film

La Legendary sta sviluppando il progetto di I’m a Killer Maid, serie tv tratta da un popolare webcomic cinese, basato sulle avventure di un otaku e di una domestica killer.

Un popolare webcomic cinese sta per diventare una serie televisiva: la Legendary si appresta infatti a produrre l’adattamento di I’m a Killer Maid, fumetto targato Tencent Comics particolarmente fortunato, che ha raggiunto un totale di 1,66 miliardi di visualizzazioni in tutto il mondo. Il webcomic è stato lodato come “un raro esempio di prodotto cinese sviluppato per un’audience fuori della Cina”, e la storia è stata descritta come Mary Poppins che diventa John Wick… con un echi da Quel pazzo venerdì e Killing Eve.

Variety riporta la sinossi della nuova serie, che segue da vicino quella del fumetto: “Dopo aver lasciato il gruppo di assassini Mountain Sea, la protagonista Bacai cerca di vivere una vita normale facendo la domestica per un timido fumettista nerd, che raramente lascia la sua casa; ma accidentalmente i due si scambiano i corpi”. La Legendary spera che il nuovo adattamento sarà incentrato “sull’identità e l’espressione di genere, sulla dinamiche uomo/donna e sulla decostruzione dei generi”.

I’m a Killer Maid sarà prodotta dalla Tencent Pictures, col vicepresidente e CEO della Tencent Group Edward Cheng Wu nel ruolo di produttore esecutivo. Wenxin She, della Tencent Pictures, supervisionerà il prodotto, mentre Vasco Xu figurerà come produttore indipendente. Il piano sarebbe quello di ingaggiare “una forte protagonista femminile asiatica”, e poi circondarla con “altri diversi personaggi di supporto che possano attrarre un pubblico globale, e trattare i temi LGBTQ con la massima cura possibile e in modo accessibile per gli spettatori occidentali.

Esiste già un film realizzato direttamente per lo streaming tratto da I’m a Killer Maid, che è uscito solo in Cina, ma i produttori della serie vorrebbero distanziarsi dall’approccio prevalentemente umoristico di quest’ultimo.

Marco Minniti

Giornalista pubblicista e critico cinematografico. Collaboro, o ho collaborato, con varie testate web e cartacee, tra cui (in ordine di tempo) L'Acchiappafilm, Movieplayer.it e Quinlan.it. Dal 2018 sono consulente per le rassegne psico-educative "Stelle Diverse" e "Aspie Saturday Film", organizzate dal centro di Roma CuoreMenteLab. Nel 2019 ho fondato il sito Asbury Movies, di cui sono editore e direttore responsabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *