LA BAMBINA CHE AMAVA TOM GORDON: LYNNE RAMSAY DIRIGERÀ L’ADATTAMENTO DEL ROMANZO DI STEPHEN KING

LA BAMBINA CHE AMAVA TOM GORDON: LYNNE RAMSAY DIRIGERÀ L’ADATTAMENTO DEL ROMANZO DI STEPHEN KING
fonte: The Hollywood Reporter

La cineasta britannica sarà alla regia dell’adattamento del romanzo del 1999 di King, che racconta di una bambina che si perde nel bosco e trova la “guida” immaginaria del suo idolo, il giocatore di baseball Tom Gordon.

Lynne Ramsay, regista nota per titoli come …e ora parliamo di Kevin (2011) e A Beautiful Day – You Were Never Really Here (2017) dirigerà l’adattamento del romanzo di Stephen King La bambina che amava Tom Gordon. Il progetto, targato Village Roadshow Pictures, sarà prodotto da Christine Romero, ex moglie del compianto regista George A. Romero, da Roy Lee della Vertigo Films, già produttore di It, da Ryan Silbert della Origin Story e da Jon Berg attraverso la Stampede Ventures.

La bambina che amava Tom Gordon, pubblicato nel 1999, raccontava di una ragazzina di nome Trisha McFarland che si perde nei boschi durante un’escursione con sua madre e suo fratello. Affamata e spaventata dal buio, la piccola si addentra sempre più nell’oscurità della foresta, e trova conforto solo dal dialogo immaginario col suo idolo, il giocatore di baseball Tom Gordon. Mentre cerca invano una via per tornare a casa, Trisha finisce per convincersi inoltre di essere braccata da un mostro, una creatura sovrannaturale che vuole divorarla.

Christy Hall, co-creatrice della serie Netflix I Am Not Okay With This, ha scritto la sceneggiatura del nuovo film insieme alla stessa Ramsay; Andrew Childs farà da produttore esecutivo, con la supervisione di Jillian Apfelbaum della Village Roadshow Pictures. L’inizio delle riprese è previsto per il 2021.

L’ultimo film di Lynne Ramsay, A Beautiful Day – You Were Never Really Here, è stato presentato in concorso al Festival di Cannes del 2017, dove ha vinto il premio per la migliore sceneggiatura e quello per il miglior interprete maschile, assegnato a Joaquin Phoenix. Il film fu salutato nel festival da una standing ovation e da un applauso di sette minuti.

Marco Minniti

Giornalista pubblicista e critico cinematografico. Collaboro, o ho collaborato, con varie testate web e cartacee, tra cui (in ordine di tempo) L'Acchiappafilm, Movieplayer.it e Quinlan.it. Dal 2018 sono consulente per le rassegne psico-educative "Stelle Diverse" e "Aspie Saturday Film", organizzate dal centro di Roma CuoreMenteLab. Nel 2019 ho fondato il sito Asbury Movies, di cui sono editore e direttore responsabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *