VANESSA KIRBY SULLA SFURIATA DI TOM CRUISE ALLA CREW DI MISSION: IMPOSSIBLE 7: “IL MESSAGGIO È ESSERE AL SICURO”

VANESSA KIRBY SULLA SFURIATA DI TOM CRUISE ALLA CREW DI MISSION: IMPOSSIBLE 7: “IL MESSAGGIO È ESSERE AL SICURO”
L’attrice ha voluto commentare la sfuriata di Tom Cruise contro la crew del film, che a dicembre aveva violato i protocolli di sicurezza per il Covid-19, spiegando che “il messaggio per tutti è quello di essere al sicuro”.

Si è parlato molto, lo scorso dicembre, della sfuriata di Tom Cruise contro parte della crew di Mission: Impossible 7, colpevole di aver violato i protocolli di sicurezza per il Covid-19. Ora, in un’intervista a Extra, la co-star del film Vanessa Kirby ha difeso l’attore, affermando l’importanza di lavorare in un ambiente sicuro. Cruise era stato sentito rivolgersi con rabbia ai membri della crew, urlando loro: “Stiamo creando migliaia di posti di lavoro, figli di puttana. Non voglio mai più vedere una cosa del genere. Mai!”.

Penso che stare al sicuro sia il messaggio per tutti, davvero”, ha detto la Kirby, la cui sorella è assistente alla regia nel film, ed è stata tra i primi a raggiungere il set a luglio. “Per me, vedere mia sorella che ogni giorno andava sul campo, e tornava a casa perfettamente in salute, è stato di grande ispirazione. L’intera industria era stata chiusa – cinema, teatri, set di film. Vedere lei andare ogni giorno lì e farcela – ed essere tra i primi a riuscirci – mi ha dato speranza”.

Vanessa Kirby non ha ancora fatto ritorno sul set di Mission: Impossible 7, ma ha dichiarato di non vedere l’ora di tornare, in sicurezza. “Penso che inizieremo la settimana prossima o giù di lì. Sono molto emozionata anche per gli stunt. In ogni episodio della saga, gli stunt si sono fatti sempre più rischiosi, e ce ne sono stati alcuni, in questo film, che sono stati davvero terrificanti… e ce ne sono ancora tanti altri da filmare. È un piacere per tutti noi tornare sul set”.

Al momento, Vanessa Kirby è sotto attenta considerazione per i prossimi premi importanti (Golden Globe e Oscar), per la sua interpretazione in Pieces of a Woman, uscito su Netflix il 7 gennaio. L’attrice si è recentemente espressa anche sul caso del co-protagonista del film, Shia LaBeouf, denunciato dalla sua ex fidanzata, la cantante FKA Twigs, per violenza sessuale. “Sono dalla parte di chiunque sopravviva a un abuso, e rispetto il coraggio di chi racconta la sua verità. Quanto al caso specifico, non posso commentare una causa legale che è attualmente in corso”.

Marco Minniti

Giornalista pubblicista e critico cinematografico. Collaboro, o ho collaborato, con varie testate web e cartacee, tra cui (in ordine di tempo) L'Acchiappafilm, Movieplayer.it e Quinlan.it. Dal 2018 sono consulente per le rassegne psico-educative "Stelle Diverse" e "Aspie Saturday Film", organizzate dal centro di Roma CuoreMenteLab. Nel 2019 ho fondato il sito Asbury Movies, di cui sono editore e direttore responsabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *