WONDER WOMAN 1984, CONTINUA IL CALO DI INCASSI NEGLI USA

WONDER WOMAN 1984, CONTINUA IL CALO DI INCASSI NEGLI USA
Il film di Patty Jenkins si conferma al primo posto al botteghino statunitense nel weekend, ma perde il 45% rispetto allo scorso fine settimana, incassando 3 milioni di dollari.

Si conferma accidentato il percorso nelle sale statunitensi di Wonder Woman 1984, che – già in calo nel fine settimana post-festivo – ha confermato il trend negativo nell’ultimo weekend, attestandosi a un incasso di 3 milioni di dollari, con un perdita di circa il 45%. Una cifra che basta a porre il film di Patty Jenkins – visibile anche in streaming su HBO Max – al primo posto della classifica degli incassi statunitensi del weekend, ma che si rivela comunque tutt’altro che esaltante, specie considerati i dati generali di incasso del film rapportati al suo budget.

Wonder Woman 1984 ha infatti totalizzato, dalla sua uscita del 25 dicembre, un incasso di 32,6 milioni di dollari complessivi tra Stati Uniti e Canada, che si vanno a sommare ai 98,8 milioni di dollari finora incassati dal film negli altri paesi in cui è uscito: il risultato totale, 131 milioni di dollari, è una cifra che deve tenere conto della crisi portata dalla pandemia di Covid-19 (negli USA circa il 59% delle sale è chiuso) ma che resta molto lontana dai costi di produzione del film (200 milioni di dollari). Un budget il cui recupero è a questo punto in forte dubbio.

Nel frattempo, i giudizi della critica sul film di Patty Jenkins continuano a rimanere freddi; sull’aggregatore Rotten Tomatoes, il film ha ottenuto finora solo un 60% delle recensioni professionali positive, attestandosi su quella percentuale che è il limite minimo che separa la categoria “Fresh” da quella denominata “Rotten”.

Marco Minniti

Giornalista pubblicista e critico cinematografico. Collaboro, o ho collaborato, con varie testate web e cartacee, tra cui (in ordine di tempo) L'Acchiappafilm, Movieplayer.it e Quinlan.it. Dal 2018 sono consulente per le rassegne psico-educative "Stelle Diverse" e "Aspie Saturday Film", organizzate dal centro di Roma CuoreMenteLab. Nel 2019 ho fondato il sito Asbury Movies, di cui sono editore e direttore responsabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *