NOMADLAND PREMIATO AI GOTHAM AWARDS

NOMADLAND PREMIATO AI GOTHAM AWARDS
I premi dedicati al cinema indipendente, assegnati con una cerimonia ridotta all’osso a New York, hanno visto prevalere come miglior film quello di Chloé Zhao. Premiati come attori Riz Ahmed e Nicole Beharie.

Nomadland ha ricevuto il premio come miglior film indipendente alla trentesima edizione dei Gotham Awards, la cui cerimonia si è tenuta ieri a New York, con un team di presentatori ridotto all’osso, e i collegamenti da remoto con pubblico e ospiti. Il film di Chloé Zhao è prevalso su concorrenti tutti diretti a loro volta da registe donne: The Assistant di Kitty Green, First Cow di Kelly Reichardt, Mai raramente a volte sempre di Eliza Hittman e Relic di Natalie Erika James.

La vittoria ha segnato la prima volta che un regista ottiene il premio due volte nella sua carriera (Chloé Zhao aveva già visto vincere nel 2018 il suo The Rider – Il sogno di un cowboy).

I premi per il miglior attore, miglior attrice e miglior attore rivelazione sono andati rispettivamente a Riz Ahmed per Sound of Metal, Nicole Beharie per Miss Juneteenth e Kingsley Ben-Adir per One Night in Miami. Per la migliore sceneggiatura, sono stati premiati ex-aequo Radha Blank per The Forty-Year-Old Version e Dan Sallitt per Fourteen. A ricevere il premio per la migliore opera internazionale è stato invece il dramma Sin señas particulares di Fernanda Valadez.

I premi per le due categorie televisive, miglior serie con episodi sotto i 40 minuti, e miglior serie con episodi sopra lo stesso minutaggio, sono stati vinti rispettivamente da I May Destroy You e Watchmen. Nomadland si è aggiudicato anche l’Audiece Award.

In sedici anni di storia del premio, solo quattro volte il film premiato col maggior riconoscimento ha poi ricevuto l’Oscar come miglior film: i casi sono quelli di The Hurt Locker (2009), Birdman (2014), Il caso Spotlight (2015) e Moonlight (2016).

Di seguito, l’elenco completo dei vincitori.

Best Feature: “Nomadland”
Best Documentary: (TIE) “A Thousand Cuts” and “Time”
Best International Feature: “Identifying Features”
Bingham Ray Breakthrough Director Award: Andrew Patterson for “The Vast of Night”
Best Screenplay: (TIE) “The Forty-Year-Old Version,” Radha Blank, and “Fourteen,” Dan Sallitt
Best Actor: Riz Ahmed in “Sound of Metal” (Amazon Studios)
Best Actress: Nicole Beharie in “Miss Juneteenth” (Vertical Entertainment)
Breakthrough Actor: Kingsley Ben-Adir in “One Night in Miami” (Amazon Studios)

Breakthrough Series – Long Format (over 40 minutes): “Watchmen”
Breakthrough Series – Short Format (under 40 minutes): “I May Destroy You”

Audience Award winner: “Nomadland”

Actor Tribute: Chadwick Boseman
Actress Tribute: Viola Davis
Director Tribute: Steve McQueen
Industry Tribute: Ryan Murphy
Ensemble Tribute: “The Trial of the Chicago 7”
Made in NY Award: Jeffrey Wright



Marco Minniti

Giornalista pubblicista e critico cinematografico. Collaboro, o ho collaborato, con varie testate web e cartacee, tra cui (in ordine di tempo) L'Acchiappafilm, Movieplayer.it e Quinlan.it. Dal 2018 sono consulente per le rassegne psico-educative "Stelle Diverse" e "Aspie Saturday Film", organizzate dal centro di Roma CuoreMenteLab. Nel 2019 ho fondato il sito Asbury Movies, di cui sono editore e direttore responsabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *