Fotografia: Vittorio Omodei Zorini