FRIEND REQUEST – LA MORTE HA IL TUO PROFILO

FRIEND REQUEST – LA MORTE HA IL TUO PROFILO

Diretto dal tedesco Simon Verhoeven, Friend Request - La morte ha il tuo profilo si rivela un’efficace macchina da brividi, ma sconta in parte il suo essere legato a un filone (l’horror ad ambientazione tecnologica) ormai abbondantemente codificato.

Amiche per… la morte

Pubblicità

Laura è una studentessa universitaria molto popolare, dagli ottimi voti e dall’attiva vita sociale. La ragazza, molto presente su Facebook, ama condividere sul suo profilo foto e filmati di sé e dei suoi amici. Un giorno, Laura accetta la richiesta di amicizia di Marina, una misteriosa nuova studentessa, la cui bacheca è piena di disegni ed immagini lugubri. Marina, solitaria e senza amici, inizia presto ad assumere atteggiamenti da stalker nei confronti di Laura; quest’ultima, spaventata, la rimuove dai contatti sul social network e inizia a evitarne la compagnia. Pochi giorni dopo, Marina si suicida, filmandosi e condividendo in diretta il video sul suo profilo. Da allora, Laura e i suoi amici iniziano a essere testimoni di avvenimenti inspiegabili, tutti legati al profilo Facebook di Marina, in qualche modo ancora attivo. La ragazza, da una dimensione ultraterrena, sembra aver preso di mira l’ex amica, con lo scopo di farle provare cosa sia la solitudine.

Coi primi, tardivi vagiti d’estate, si prepara a giungere nei cinema italiani una nuova ondata di pellicole orrorifiche. Una tradizione, puntualmente rinnovatasi di anno in anno, che porterà presto nelle nostre sale il nuovo The Conjuring – Il caso Enfield di James Wan, e che intanto ci dà in visione questo interessante thriller sovrannaturale di produzione tedesca. Friend Request – La morte ha il tuo profilo, diretto dal regista Simon Verhoeven (nessuna parentela con l’olandese – e più noto – Paul) ambienta la più classica vicenda di possessione sovrannaturale negli ambienti social e interconnessi di un moderno college occidentale; come nel recente Unfriended, il terrore corre qui sulle autostrade virtuali del web, intaccando la vita di individui capaci di spostarsi, con disinvoltura e senza soluzione di continuità, da una dimensione materiale e personale della comunicazione a una virtuale e pervasiva.

Inizialmente orientato sui toni realistici di un moderno thriller ad ambientazione studentesca, il film di Verhoeven opera presto una brusca virata verso il sovrannaturale, sovrapponendo miti e suggestioni ancestrali (la stregoneria, l’occultismo, e i loro riti) alla postmoderna, reticolare e interconnessa realtà della Rete e dei social network. Un’operazione che trova qualche punto di contatto con gli horror asiatici di circa un quindicennio fa (vengono in mente il Ring di Hideo Nakata, ma soprattutto Kairo, di Kiyoshi Kurosawa), sfruttando l’immaterialità, il carattere pervasivo, onnipresente e invisibile della comunicazione virtuale, a costituire il più classico dei canali di comunicazione tra il mondo reale e quello ultraterreno. L’operazione, come fu per il già citato Unfriended, cerca inoltre di portare avanti una riflessione sul moderno mondo giovanile e studentesco, sulle sue dinamiche sociali e sugli strumenti di interscambio (ma anche di esclusione) in esso introdotti dai new media.

Malgrado i suoi schematismi, legati in parte ai limiti del “formato”, il film di Simon Verhoeven fa mostra di un’apprezzabile atmosfera di angoscia, sempre sospesa tra realtà e allucinazione, tra il moderno terrore di una tecnologia onnipresente e disumanizzante, e le ataviche, irrazionali paure che continuano a informare di sé le odierne società urbane. Friend Request – La morte ha il tuo profilo gioca su metafore scoperte (lo specchio nero come emblema di colpa senza possibilità di redenzione) e su motivi tanto esplorati e sperimentati da poter apparire frusti (la ragazza solitaria e la sua fascinazione per il lato oscuro dell’immaginazione, l’emarginazione e la rabbia da essa generata); ma il film porta avanti il suo discorso, piuttosto semplice e immediatamente leggibile, utilizzando in modo sicuro ed efficace gli strumenti del genere. Capace di parlare al moderno pubblico del cinema dell’orrore, senza tuttavia lasciarsi andare ai cliché più vieti, il film di Verhoeven mantiene un’apprezzabile tensione per tutta la sua ora e mezza di durata, mostrando un certo gusto figurativo nelle scenografie degli interni, e soprattutto nelle brevi, suggestive sequenze animate: rappresentazioni digitali del mondo, e dei sogni/incubi, della protagonista, ben integrate nel contesto della trama.

Sicuro nel suo incedere narrativo, e nella sua messa in scena, non si può dire che Friend Request – La morte ha il tuo profilo dica qualcosa di davvero nuovo, o che offra un punto di vista in qualche modo originale, sul genere e sulle sue dinamiche. Siamo dalle parti di un filone ormai codificato (l’horror tecnologico ad ambientazione studentesca) che di tutti i filoni di maggior fortuna mostra i rischi, a livello di stereotipi e schematismi di trama. Tutto incentrato sulla protagonista Paula, e sul suo rapporto (prima terreno, poi sovrannaturale) con l’inquietante presenza di Marina, il film abbozza solo gli altri caratteri, non aiutato da prove del cast generalmente piuttosto anonime. Ne deriva una fotografia delle dinamiche del mondo giovanile (e delle sue deviazioni) piuttosto superficiale e stereotipata, tutta al servizio di un intreccio che (in fondo) potrebbe agevolmente essere spostato in un diverso contesto. Vanno inoltre sottolineate, specie nella seconda parte del film – e nel poco convincente percorso che porta alla risoluzione della vicenda – alcune incongruenze e forzature narrative, in parte legate anch’esse ai cliché del genere, ma in buona parte evidenzianti piccole (ma presenti) trascuratezze di scrittura.

Friend Request - La morte ha il tuo profilo poster locandina

Scheda

Titolo originale: Friend Request
Regia: Simon Verhoeven
Paese/anno: Germania / 2016
Durata: 92’
Genere: Horror, Thriller
Cast: Alycia Debnam-Carey, Brit Morgan, Brooke Markham, Carolyn Forward, Connor Paolo, David Butler, Dorothy Ann Gould, Jay Anstey, Julian Katz, Julie Summers, Kiano Janse van Rensburg, Kimberleigh Stark, Lee Raviv, Liesl Ahlers, Matthew Ballen, Nevena Jablanovic, Nicholas Pauling, Sean Marquette, Shashawnee Hall, Susan Danford, Wendy Acton Burnell, William Moseley
Sceneggiatura: Simon Verhoeven, Matthew Ballen, Philip Koch
Fotografia: Jo Heim
Montaggio: Denis Bachter, Tom Seil
Musiche: Gary Go, Martin Todsharow
Produttore: Giselher Venzke, Simon Verhoeven, Max Wiedemann, Matthew Ballen, Quirin Berg, Stefan Gärtner, Mark Popp, Bertha Spieker
Casa di Produzione: Wiedemann & Berg Filmproduktion, SevenPictures Film, Two Oceans Production (TOP)
Distribuzione: Adler Entertainment

Data di uscita: 08/06/2016

Trailer

Pubblicità
Marco Minniti
Giornalista pubblicista e critico cinematografico. Collaboro, o ho collaborato, con varie testate web e cartacee, tra cui (in ordine di tempo) L'Acchiappafilm, Movieplayer.it e Quinlan.it. Dal 2018 sono consulente per le rassegne psico-educative "Stelle Diverse" e "Aspie Saturday Film", organizzate dal centro di Roma CuoreMenteLab. Nel 2019 ho fondato il sito Asbury Movies, di cui sono editore e direttore responsabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.