QUEER AS FOLK: CANCELLATO IL REBOOT DOPO UNA SOLA STAGIONE

QUEER AS FOLK: CANCELLATO IL REBOOT DOPO UNA SOLA STAGIONE

Peacock ha deciso di non rinnovare per una seconda stagione la nuova Queer As Folk, reboot della serie britannica di fine anni ‘90.

Pubblicità

Il reboot di Queer As Folk non avrà una seconda stagione. La decisione è stata annunciata nelle ultime ore da Peacock, che aveva prodotto il reimagining della nota serie britannica creata da Russell T. Davies, che era andata in onda dal 1999 al 2000. La nuova versione, creata dallo stesso Davies e da Stephen Dunn, aveva esordito su Peacock lo scorso 9 giugno, per essere poi distribuita in Italia da Starzplay il successivo 31 luglio.

La nuova versione della serie, ambientata a New Orleans, vede protagonisti un gruppo eterogeneo di amici, che si trovano le vite trasformate dopo essere stati testimoni di una sparatoria in un queer nightclub, il Babylon. Il cast della serie comprende nei ruoli principali Devin Way, Fin Argus, Jesse James Keitel, CG, Johnny Sibilly e Ryan O’Connell, affiancati come guest stars da Kim Cattrall, Juliette Lewis, Ed Begley Jr., e Nyle DiMarco.

È stato Stephen Dunn, nella notte di venerdì, ad annunciare su Instagram la “deludente notizia” della cancellazione di Queer As Folk: “È un dono raro, di questi tempi e in questo paese, avere l’opportunità di fare uno show coraggioso e impenitente come Queer As Folk. L’esperienza ci ha cambiato la vita per sempre e siamo grati di aver trovato questa incredibile nuova famiglia”.

Continua Dunn nel messaggio: “Sappiamo quanto abbia significato per i fans, e nonostante il nostro cuore sia spezzato perché non possiamo più fare nuovi episodi, ringraziamo tutti per aver guardato ed essersi innamorati di Brodie, Mingus, Ruthie, Noah, Shar, Julian, Daddius, Bussey, Marvin, Judy e Brenda. Siamo grati di aver avuto l’opportunità di onorare la nostra comunità, e siamo orgogliosi di questo show”.

La serie era stata il secondo adattamento americano dell’originale Queer As Folk: una prima rivisitazione della storia originale era stata infatti distribuita da Showtime dal 2000 al 2005. La nuova serie portava inizialmente il marchio di Bravo, prima di essere rilevata da Peacock e ricevere l’ordine di serie.

Pubblicità
Marco Minniti
Giornalista pubblicista e critico cinematografico. Collaboro, o ho collaborato, con varie testate web e cartacee, tra cui (in ordine di tempo) L'Acchiappafilm, Movieplayer.it e Quinlan.it. Dal 2018 sono consulente per le rassegne psico-educative "Stelle Diverse" e "Aspie Saturday Film", organizzate dal centro di Roma CuoreMenteLab. Nel 2019 ho fondato il sito Asbury Movies, di cui sono editore e direttore responsabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.