JOE TURKEL, ADDIO AL BARMAN LLOYD DI SHINING

JOE TURKEL, ADDIO AL BARMAN LLOYD DI SHINING

L’attore, noto per il ruolo del barman fantasma di Shining e per quello del creatore di androidi in Blade Runner, è morto all’età di 94 anni.

Pubblicità

Addio a Joe Turkel, attore americano, ricordato soprattutto per il ruolo del barman fantasma Lloyd in Shining di Stanley Kubrick, e per quello del creatore di androidi Eldon Tyrell in Blade Runner di Ridley Scott. Turkel, che aveva 94 anni, è morto lunedì 27 giugno al St. John’s Hospital, a Santa Monica; il suo decesso è stato annunciato dalla famiglia, che ha comunicato che l’attore è morto serenamente, con i figli Craig e Robert al suo fianco.

Nato a Brooklyn il 15 luglio 1927, Joe Turkel aveva prestato servizio nell’esercito durante la Seconda Guerra Mondiale, in Europa, per poi iniziare la carriera di attore a fine anni ‘40. Il suo primo ruolo è quello di Malerba (1949). Con Kubrick, prima del suo ruolo in Shining (1980), aveva recitato nei precedenti Rapina a mano armata (1956) e Orizzonti di gloria (1957), a fianco di Kirk Douglas; ciò fa di lui uno dei due soli attori ad aver recitato col regista in tre ruoli accreditati.

Turkel viene ricordato anche per film come The Boy and the Pirates e Delitto del faro (entrambi del 1960, diretti dal regista Bert I. Gordon) e per il ruolo del militare Dino nel dramma bellico Qualcuno da odiare (1965); nel 1966 vestì poi i panni di Bronson in Quelli della San Pablo, a fianco di Steve McQueen, e l’anno dopo quelli del gangster Jake “Greasy Thumb” Gusic ne Il massacro del giorno di San Valentino (1967). Nel 1990 ha interpretato l’horror 666 – Il triangolo maledetto.

Attivo, fin dai primi anni, anche sul piccolo schermo, Joe Turkel aveva interpretato nel 1956 la serie Le leggendarie imprese di Wyatt Earp. Tra le sue apparizioni successive in prodotti televisivi, si possono ricordare quelle di King, Frontier Doctor, Bat Masterson, The Asphalt Jungle, Mackenzie’s Raiders, Kojak, Un salto nel buio, Il cavaliere solitario, S.W.A.T, Gli intoccabili e Miami Vice. Apparve inoltre in tre episodi della serie western Bonanza.

Poco prima della sua morte, Joe Turkel aveva scritto un libro di memorie intitolato The Misery of Success; la famiglia, ora, conta di pubblicarlo entro la fine del 2022.

Pubblicità
Marco Minniti
Giornalista pubblicista e critico cinematografico. Collaboro, o ho collaborato, con varie testate web e cartacee, tra cui (in ordine di tempo) L'Acchiappafilm, Movieplayer.it e Quinlan.it. Dal 2018 sono consulente per le rassegne psico-educative "Stelle Diverse" e "Aspie Saturday Film", organizzate dal centro di Roma CuoreMenteLab. Nel 2019 ho fondato il sito Asbury Movies, di cui sono editore e direttore responsabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.