JOHNNY DEPP FU DIFFAMATO DA AMBER HEARD, LA SENTENZA DÀ RAGIONE ALL’ATTORE

JOHNNY DEPP FU DIFFAMATO DA AMBER HEARD, LA SENTENZA DÀ RAGIONE ALL’ATTORE

Il verdetto finale ha condannato l’attrice a versare all’ex marito 10,35 milioni di dollari a titolo di risarcimento. La Heard: “Sono delusa oltre ogni parola”.

Pubblicità

La camera di consiglio, conclusasi nel primo pomeriggio (ore 21 circa in Italia) ha sentenziato che ci fu diffamazione da parte di Amber Heard contro Johnny Depp. Il verdetto finale, raggiunto dai sette giurati all’unanimità, ha condannato l’attrice a versare 10,35 milioni di dollari a titolo di risarcimento al suo ex marito, contro i 50 che erano stati chiesti da quest’ultimo. La Heard, durante l’annuncio, ha tenuto lo sguardo basso e ha trattenuto a stento le lacrime: un’immagine che cozza contro le scene di giubilo dei fan dell’attore assiepati fuori dall’edificio.

Il risarcimento stabilito ammontava inizialmente a 15 milioni di dollari: 10 per le accuse, reputate infondate, e 5 di cosiddetti “danni punitivi”. Poiché quest’ultima voce, per la legge della Virginia, non può superare i 350.000 dollari, il computo finale è arrivato a 10,35 milioni. Sono invece 2 i milioni di dollari che Depp dovrà versare alla Heard, a causa di alcune frasi pronunciate dal suo avvocato che sono state reputate offensive.

La delusione che provo non si può spiegare a parole”, ha detto Amber Heard immediatamente dopo la lettura della sentenza. “Ho il cuore spezzato per il fatto che la montagna di prove che abbiamo portato non sia sufficiente a contrastare il potere sproporzionato del mio ex marito”. L’attrice ha concluso: “Questo è un ritorno all’epoca in cui, quando una donna osava parlare contro la violenza domestica, veniva pubblicamente umiliata”.

I legali di Johnny Depp, Ben Chew e Camille Vasquez, sono usciti dall’aula accolti dalle grida dei fans dell’attore. “Il verdetto conferma ciò che sosteniamo dall’inizio”, ha commentato Vasquez, “le accuse di Heard sono false e diffamatorie, quindi siamo grati alla giuria per la sua collaborazione”. Chew ha aggiunto: “Siamo onorati per aver assistito il signor Depp, e aver garantito che fosse ascoltato in questo giudizio”.

Johnny Depp stesso, dal canto suo, ha pubblicato un lungo post su Instagram in cui ha espresso gratitudine per la sentenza: “A sei anni dal momento in cui la mia vita, e quella dei miei figli, è cambiata per sempre, la giuria mi ha finalmente ridato la vita. Sono veramente onorato”. Il post, pubblicato subito dopo la sentenza, ha raggiunto oltre 5 milioni di like.

Durante la lettura della sentenza, Amber Heard era in aula, giunta circa mezz’ora dopo l’annuncio del termine della camera di consiglio, mentre Depp ha confermato le voci che lo volevano ancora in Inghilterra. La giudice, Penney Azcarate, aveva concesso agli ex coniugi un’ora di tempo per raggiungere il tribunale di Fairfax, in Virginia. La lettura della sentenza si è così svolta davanti ai legali dell’attore senza il loro assistito.

Pubblicità
Marco Minniti
Giornalista pubblicista e critico cinematografico. Collaboro, o ho collaborato, con varie testate web e cartacee, tra cui (in ordine di tempo) L'Acchiappafilm, Movieplayer.it e Quinlan.it. Dal 2018 sono consulente per le rassegne psico-educative "Stelle Diverse" e "Aspie Saturday Film", organizzate dal centro di Roma CuoreMenteLab. Nel 2019 ho fondato il sito Asbury Movies, di cui sono editore e direttore responsabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.