SING 2 – SEMPRE PIÙ FORTE

SING 2 – SEMPRE PIÙ FORTE

Candidandosi fortemente a essere il film d’animazione delle feste, Sing 2 – Sempre più forte ripropone nella sostanza la formula del suo predecessore, spostandola su un diverso palcoscenico e rendendola più funzionale a descrivere i suoi personaggi, le loro paure e le loro potenzialità. Il risultato è riuscito e godibile, al netto di qualche incertezza nell’ultima parte.

Canta (ancora) che ti passa

Pubblicità

Per questo Sing 2 – Sempre più forte, la distribuzione italiana ha fatto una scelta di collocazione diversa rispetto a quanto non fece con l’originale, sicuramente più adeguata al potenziale del film (considerati anche i suoi concorrenti attualmente in sala). Il Sing del 2016 di Garth Jennings, infatti, uscì a ridosso della fine delle feste (il 4 gennaio), schiacciato in un periodo poco favorevole dal monopolio natalizio del gigante Disney Oceania; questo sequel, invece, uscito già in anteprima un paio di settimane fa, e approdato stabilmente nelle sale italiane dal 23 dicembre, si candida a essere (anche in virtù dell’approdo su Disney+ del potenziale concorrente Encanto) il film d’animazione delle feste.

Ascolta “West Side Story incanta tutti. E c’è anche Sing 2!” su Spreaker.

Una scelta di collocazione molto sensata, a nostro avviso: perché il nuovo film targato Illumination, diretto come il suo predecessore da Garth Jennings, ha un’atmosfera ancor più adatta al clima caldo e giocoso del periodo, e si configura ancor maggiormente come un vero “film per famiglie”. E l’espressione, lo specifichiamo, non è affatto negativa o sminuente: questo sequel, infatti, può essere davvero apprezzato appieno dagli spettatori più giovani che affolleranno le sale nel periodo, senza che per questo genitori, e/o adulti intervenuti appositamente per goderselo (perché no?), si annoino. E il risultato non era scontato.

Alla ricerca della rockstar perduta

Sing 2 – Sempre più forte (2021) - Jennings - Recensione | Asbury Movies

Nel plot di questo sequel, il koala Buster Moon dirige ormai stabilmente il suo teatro di provincia, dove gli spettacoli suoi e della sua compagnia fanno regolarmente il tutto esaurito. Tuttavia, Buster vorrebbe puntare più in alto: così, nonostante la contrarietà della talent scout Suki, si imbarca con tutti i suoi artisti in un viaggio verso Redshore City, capitale del musical, per partecipare a un’audizione col boss del settore Jimmy Crystal. Nonostante il provino non vada proprio come previsto, il lupo Jimmy è affascinato da un’idea messa sul tavolo dal maiale ballerino Gunter: un musical a tema fantascientifico con le canzoni della rockstar Clay Calloway. Crystal accetta di scritturare la compagnia, a patto che riesca a coinvolgere nello show Calloway in persona. Il problema è che quest’ultimo si è ritirato dalle scene da quindici anni, e vive da allora una vita da recluso nella sua isolata villa di campagna. Convincerlo, per Buster e compagni, non sarà facile, ma solo una sua eventuale accettazione potrebbe essere per loro il lasciapassare per il grande successo.

Una ripetizione che migliora

Sing 2 – Sempre più forte (2021) - Jennings - Recensione | Asbury Movies

Presenta una struttura in fondo abbastanza simile a quella del suo predecessore, questo Sing 2 – Sempre più forte, con la narrazione innestata da un equivoco (lì un premio per aspiranti artisti erroneamente centuplicato, qui un misundestanding sulla conoscenza della vecchia rockstar) e uno spettacolo da preparare che rappresenta il suo culmine. Tuttavia, per una volta – complice forse anche la relativa freschezza della formula, e il fatto che siamo ancora (solo) al primo sequel – la ripetizione non disturba, riuscendo anzi a valorizzare le potenzialità del soggetto ancor meglio di quanto non avesse fatto il primo film. La squadra canora e danzante di Buster (doppiato di nuovo, in originale, da Matthew McConaughey) qui è già assemblata, e il film si limita a ripresentarla brevemente nel numero musicale introduttivo: il fulcro della vicenda è invece tutto basato sulle difficoltà nell’assemblaggio dello show e sul confronto – sempre sul punto di diventare scontro – con l’avido impresario, e vero e proprio lupo, Jimmy Crystal. Più che nel film precedente, paure e potenzialità di ogni singolo personaggio sono intelligentemente sottolineate, con particolare attenzione alla protagonista designata dello show, Rosita, e alla timidissima elefantessa Meena; ma anche le new entry funzionano complessivamente bene, a cominciare dal “vecchio leone” (in senso reale e metaforico) Clay Calloway, doppiato dal leader degli U2 Bono nella versione originale, e da Zucchero in quella italiana.

Tecnica, cuore e (piccoli) intoppi

Sing 2 – Sempre più forte (2021) - Jennings - Recensione | Asbury Movies

Il livello tecnico del film di Garth Jennings, che dal 2016 a oggi sembra aver acquisito decisamente più dimestichezza con l’animazione e le sue dinamiche, è come prevedibile molto alto: i numeri musicali funzionano, e il film sa bene come solleticare la partecipazione emotiva di un ampio spettro di fan del pop rock, con versioni ad hoc dei pezzi degli U2 Where the Streets Have No Name, Stuck in a Moment You Can’t Get Out Of e I Still Haven’t Found What I’m Looking For, e riproposizioni mirate di classici come Goodbye Yellow Brick Road di Elton John. Le finezze cromatiche di Sing 2 – Sempre più forte si legano, tuttavia, a una riflessione a suo modo ficcante sullo showbiz e sulla rapacità del mondo dello spettacolo, nonché su una certa declinazione tossica dei rapporti familiari (evidente nelle interazioni tra lo sgradevole Jimmy e sua figlia, e nell’arco narrativo attraversato da quest’ultima). Temi di un certo spessore riproposti in un contenitore collaudato, che guarda al modello disneyiano – specie in riferimento agli animali antropomorfi, e al mix tra musica e racconto – senza tuttavia farsene schiacciare. È vero che, nell’ultimissima frazione, il film di Jennings precipita forse un po’ troppo gli eventi verso la svolta finale, mentre la risoluzione della vicenda arriva non senza qualche piccola forzatura. Inoltre, il percorso compiuto dallo stesso nuovo personaggio di Calloway – affascinante anche per il nome e lo spessore del suo interprete vocale – poteva certo essere approfondito un po’ meglio.

Tuttavia, in Sing 2 – Sempre più forte ci si diverte molto, spesso si canta sui sempre ben scelti pezzi della colonna sonora, a volte ci si commuove persino. Basta paragonare il film al già citato, ben meno riuscito ultimo prodotto Disney Encanto, per capire come l’animazione non debba per forza inseguire modelli “alti” e ambizioni a cui non sempre è in grado di far fronte. A volte, ed è il caso di questo sequel diretto da Garth Jennings, la semplicità può rivelarsi una carta vincente.

Sing 2 – Sempre più forte poster locandina
Pubblicità

Scheda

Titolo originale: Sing 2
Regia: Garth Jennings
Paese/anno: Francia, Stati Uniti / 2021
Durata: 112’
Genere: Commedia, Animazione
Cast: Adam Buxton, Bobby Cannavale, Bono, Chelsea Peretti, Eric André, Garth Jennings, Halsey, Jennifer Saunders, Julia Davis, Letitia Wright, Matthew McConaughey, Nick Kroll, Nick Offerman, Peter Serafinowicz, Pharrell Williams, Reese Witherspoon, Scarlett Johansson, Taron Egerton, Tori Kelly, Wes Anderson
Sceneggiatura: Garth Jennings
Montaggio: Gregory Perler
Musiche: Joby Talbot
Produttore: Janet Healy, Christopher Meledandri, Robert Taylor, Nathalie Vancauwenberghe
Casa di Produzione: Universal Pictures, Illumination Entertainment
Distribuzione: Universal Pictures

Data di uscita: 23/12/2021

Trailer

Dagli stessi registi o sceneggiatori

Pubblicità
Marco Minniti
Giornalista pubblicista e critico cinematografico. Collaboro, o ho collaborato, con varie testate web e cartacee, tra cui (in ordine di tempo) L'Acchiappafilm, Movieplayer.it e Quinlan.it. Dal 2018 sono consulente per le rassegne psico-educative "Stelle Diverse" e "Aspie Saturday Film", organizzate dal centro di Roma CuoreMenteLab. Nel 2019 ho fondato il sito Asbury Movies, di cui sono editore e direttore responsabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.