ANIMALI FANTASTICI – I SEGRETI DI SILENTE

ANIMALI FANTASTICI – I SEGRETI DI SILENTE

Al centro di questo Animali fantastici – I segreti di Silente, nuovo capitolo diretto da David Yates dedicato al mondo magico creato da J.K. Rowling, c’è il personaggio di Silente. Il mago, che col volto di Jude Law si era già presentato nuovamente al pubblico, conquista pienamente la scena diventando il deus ex machina di un intreccio che lo coinvolge emotivamente più che fisicamente.

Ritorno a Hogwarts

Pubblicità

Solitamente nelle saghe dalla lunga estensione ci si trova sempre di fronte a un movimento circolare della narrazione. Questo vuol dire che, pur avendo dato una conclusione agli eventi del racconto originale, con salti temporali e successivi passi si dà spazio ad altri mondi per arrivare a chiudere il cerchio. In sostanza, dunque, il fine è ritornare là dove tutto era iniziato per dare l’idea di una storia ampia e completa, dove ogni elemento o mistero rimasto in sospeso venga finalmente svelato. Un percorso non rettilineo, dunque, cui non si sottrae certo il magico mondo pensato da J.K. Rowling. E il particolare più interessante ed emozionante, per gli appassionati, è che tutto questo avviene proprio pochi mesi dopo una ricorrenza importante, come il ventennio da Harry Potter e la pietra filosofale. Per non parlare, poi, di una delle reunion più seguite e attese degli ultimi anni.

Ovviamente si tratta di un puro caso organizzativo, ma è un dato di fatto che Animali fantastici – I segreti di Silente, terzo capitolo della saga prequel di Animali fantastici, vive fortemente di suggestioni passate e di quel mondo potteriano che è riuscito a conquistare un pubblico eterogeneo. Questo vuol dire che, più dei precedenti due film, mostra chiaramente il suo scopo di costruire, passo dopo passo, la strada giusta per ricongiungersi con un mondo diviso e condiviso tra maghi e babbani, dove matrimoni misti danno vita ai cosiddetti mezzosangue e in cui, soprattutto, un ragazzino predestinato sembra essere ancora ignaro del suo destino. E non è certo un caso che a fare da anello di congiunzione narrativo, in questo caso, sia proprio il personaggio di un giovane Albus Silente, interpretato da Jude Law, che nel tentativo di confrontarsi con le zone d’ombra del proprio passato, risveglia la magia di Hogwarts da un lungo sonno.

Nonostante, infatti, i luoghi familiari del castello sede della più famosa scuola di magia siano già apparsi in Animali fantastici – I crimini di Grindelwald, questa volta gli ambienti sembrano riprendere effettivamente i ritmi della sua vita quotidiana, anche se solo per la durata di poche immagini. E la tentazione di ricercare i volti di Ron, Hermione e Harry tra i ragazzi della sala principale è veramente irrefrenabile.

Silente, luci e ombre di un moderno druido

Animali fantastici - I segreti di Silente, Jude Law in una scena del film
Animali fantastici – I segreti di Silente, Jude Law in una scena del film di David Yates

Se durante il secondo capitolo di Animali fantastici il personaggio di Silente si era presentato nuovamente al pubblico con il suo nuovo volto, è in questo terzo film che il mago conquista pienamente la scena diventando il deus ex machina di un intreccio che lo coinvolge emotivamente più che fisicamente. Ricordiamo che, durante gli ultimi frame de I crimini di Grindelwald, Newt mostra al mago una fiala in cui è contenuto un patto di sangue stretto proprio tra lui e Grindelwald. Un incantesimo giovanile ma che, al tempo stesso, ha una grande potenza. Per questo motivo, ricordando perfettamente le motivazioni per cui è stato stretto, Silente lo considera impossibile da rompere. Un particolare narrativo, questo, tutt’altro che secondario, vista la sua capacità di aleggiare come un elemento essenziale su tutto il terzo capitolo, offrendo al personaggio di Albus la possibilità di raccontare se stesso come mai accaduto prima.

Ascolta “I segreti di Silente è il nostro colpo di fulmine. Da vedere anche Ali & Ava – Storia di un incontro” su Spreaker.

Se in passato il suo personaggio ha assunto il ruolo di saggio e guida nella crescita magica e personale di un ragazzo destinato ad affrontare una prova forse definitiva e insormontabile, questa volta a essere messo di fronte a una condizione di dubbio e incertezza è proprio lui. Nonostante il suo indiscusso talento magico, infatti, in questo Animali fantastici – I segreti di Silente, che porta ancora la firma di David Yates, Silente si confronta con le profonde zone d’ombra che erano state accennate negli ultimi capitoli della saga potteriana, e che avevano contribuito già a mettere in discussione l’immagine intoccabile e impenetrabile del mago da parte dello stesso Potter. Una sorta di oscurità con cui il personaggio deve fare i conti, soprattutto se si confronta con una giovinezza caratterizzata da grande egocentrismo, da teorie assolutistiche pericolose, e da un amore profondo trasformato oggi in un nemico da confrontare direttamente proprio in nome di quel legame magico.

Tutti elementi narrativi che risuonano familiarmente nelle orecchie di chi conosce la complessa creatura della Rowling ma che, ora, trovano lo spazio per essere approfonditi. Allo stesso modo, poi, le ombre e i rimpianti che accompagnano i passi di Silente, senza però appesantirli mai, compongono anche il suo mondo esterno e famigliare. Una condizione in cui, da un punto di vista strettamente registico, Yates sembra trovarsi perfettamente a suo agio. Dopo aver firmato i capitoli più “maturi” della saga potteriana, oggi torna a giocare con le ambiguità che nascono quando si preferisce il silenzio o la negazione di un dolore. Ad aiutarlo a ricreare questa atmosfera, poi, è il volto di Jude Law che, da sempre, riesce a giocare tra seduzione, rassicurazione e ambiguità.

L’esercito di Silente parte prima

Animali fantastici - I segreti di Silente, Dan Fogler, Callum Turner, Eddie Redmayne e Jessica Williams in una scena del film
Animali fantastici – I segreti di Silente, Dan Fogler, Callum Turner, Eddie Redmayne e Jessica Williams in una scena del film di David Yates

Nonostante i tormenti personali con cui è destinato a convivere, però, Silente riesce a mantenere una nota di divertita leggerezza e di grande credibilità. Grazie a queste due doti, dunque, è destinato ad assumere la guida di un primo esercito il cui compito è contrastare le forze negative che vogliono prendere il controllo del mondo, magico e babbano. A dire la verità, però, più che a un team invincibile l’impressione è di trovarsi di fronte a una compagnia dei miracoli provvista di buona volontà e di un forte potenziale comico. Due elementi che regalano ad Animali fantastici – I segreti di Silente una nota di divertimento ben calibrata, e giustamente intervallata tra scene di combattimenti all’ultima bacchetta sempre più sofisticati. A comporre questo piccolo gruppo, cui Silente consegna il compito di confrontarsi e arrestare i sogni di dominazione di Grindelwaild, sono dei personaggi ben noti ai fan di Animali fantastici. Si tratta di Newt Scamander, il fratello Theseus, della maga americana Lally Hicks, del mago franco-senegalese Yusuf Kama e del babbano Jacob Kowalski.

Ognuno di loro, in modo più o meno consapevole, ha un ruolo preciso da interpretate nella sofisticata sceneggiatura scritta dallo stesso Silente. Perché, al di là dei i suoi turbamenti personali e dell’impossibilità di affrontare direttamente la costruzione di un mondo dalle chiare forme nazionalsocialistiche, il suo personaggio rimane comunque in una posizione centrale. Come una sorta di divinità protettrice che tutto vede e, soprattutto, riesce a prevedere. Nonostante questo, però, il suo mondo è fatto d’incertezze fino a quando, finalmente libero, si rende conto che è arrivato il momento di affrontare il suo destino. Ma sarà realmente un sollievo? Per ora la domanda rimane senza risposta, visto che Animali fantastici – I segreti di Silente lascia alcuni percorsi narrativi ancora non perfettamente sviluppati. Presumibilmente la loro sospensione è funzionale al racconto dei capitoli successivi ma, comunque, rimanda un fastidioso senso d’incompiutezza che non fa del bene a questo film.

Animali fantastici - I segreti di Silente, la locandina italiana del film

Scheda

Titolo originale: Fantastic Beasts: The Secrets of Dumbledore
Regia: David Yates
Paese/anno: Regno Unito, Stati Uniti / 2022
Durata: 142’
Genere: Fantasy, Avventura, Fantastico
Cast: Callum Turner, Dan Fogler, Eddie Redmayne, Ezra Miller, Jude Law, Katherine Waterston, Mads Mikkelsen, Oliver Masucci, Valerie Pachner, Aleksandr Kuznetsov, Alison Sudol, Cara Mahoney, Jessica Williams, Kazeem Tosin Amore, Maja Bloom, Manuel Klein, Noor Dillan-Night, Paul Low-Hang, Poppy Corby-Tuech, Richard Coyle, Victoria Yeates, Wilf Scolding, William Nadylam
Sceneggiatura: Steve Kloves, J.K. Rowling
Fotografia: George Richmond
Montaggio: Mark Day
Musiche: James Newton Howard
Produttore: J.K. Rowling, Lionel Wigram, David Heyman, Tim Lewis, Steve Kloves
Casa di Produzione: Heyday Films
Distribuzione: Warner Bros.

Data di uscita: 13/04/2022

Pubblicità

Trailer

Dagli stessi registi o sceneggiatori

Pubblicità
Tiziana Morganti
Fin da bambina, ho sempre desiderato raccontare storie. Ed eccomi qui, dopo un po’ di tempo, a fare proprio quello che desideravo, narrando o reinterpretando il mondo immaginato da altri. Da quando ho iniziato a occuparmi di giornalismo, ho capito che la lieve profondità del cinema era il mio luogo naturale. E non poteva essere altrimenti, visto che, grazie a mia madre, sono cresciuta a pane, musical, suspense di Hitchcock, animazioni Disney e le galassie lontane lontane di Star Wars; e un ruolo importante l’ha avuto anche il romanticismo di Truffaut. Nel tempo sono diventata giornalista pubblicista; da Radio Incontro e il giornale locale La voce di Roma, passando per altri magazine cinematografici come Movieplayer e il blog al femminile Smackonline, ho capito che ciò che conta è avere una struggente passione per questo lavoro. D’altronde, viste le difficoltà e le frustrazioni che spesso s’incontrano, serve un grande amore per continuare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.