IL SERPENTE DELL’ESSEX

IL SERPENTE DELL’ESSEX

Anna Symon e Clio Barnard collaborano per portare sullo schermo il romanzo gotico di Sarah Perry, Il serpente dell’Essex. La miniserie completa, in sei episodi, è disponibile su Apple TV+.

Alla ricerca del serpente perduto

Pubblicità

Il serpente dell’Essex rientra perfettamente nella logica editoriale di Apple TV+, la piattaforma che da due anni e mezzo si sta facendo notare per il suo approccio agli antipodi di quello di Netflix e Amazon Prime Video: qualità anziché quantità, con una media di massimo due novità al mese tra film e serie, e la quasi totale assenza di titoli di terzi (limitati sostanzialmente a contenuti in qualche modo legati agli Originals, come Fraggle Rock che è diventato disponibile in concomitanza con il revival targato Apple). Dopo Slow Horses, che si appresta a inaugurare un vero e proprio franchise a base di spionaggio seriale, si rimane in territorio britannico con l’adattamento del romanzo gotico di Sarah Perry pubblicato nel 2016. Adattamento che si avvale del sodalizio tra la sceneggiatrice Anna Symon, che ha supervisionato la scrittura dei sei episodi, e la regista Clio Barnard, uno dei nomi emergenti notevoli del cinema inglese contemporaneo (due dei suoi quattro lungometraggi sono stati selezionati a Cannes nella Quinzaine des Réalisateurs).

Una comunità messa alla prova

Il serpente dell'Essex, Tom Hiddleston e Claire Danes in una scena della serie
Il serpente dell’Essex, Tom Hiddleston e Claire Danes in una scena della serie Apple TV+

Al centro della vicenda c’è Cora Seaborne (Claire Danes, che ha sostituito Keira Knightley poco prima dell’inizio delle riprese), una vedova londinese che, spinta dalla sua passione per la paleontologia (liberamente basata su Mary Anning, recentemente interpretata da Kate Winslet nel film Ammonite), si reca nei territori paludosi dell’Essex dove la gente dice di aver avvistato un mitologico serpente gigante. Il suo interesse per la scienza la porta a forgiare un legame intellettuale ed emotivo con il prete locale (Tom Hiddleston), figura paradossale in quanto naturalmente scettica nei confronti dell’idea di un mostro marino, anche se questi adorna l’altare della chiesa. E mentre i due cercano di capire se il loro rapporto sia meritevole di esplorazioni più profonde, la comunità si fa sempre più paranoica circa la presenza del serpente e accusa Cora di stregoneria, data la sua natura di esterna e l’aumento dei presunti attacchi dopo il suo arrivo.

Eleganti misteri

Il serpente dell'Essex, Claire Danes e Tom Hiddleston in una scena della serie
Il serpente dell’Essex, Claire Danes e Tom Hiddleston in una scena della serie Apple TV+

Il tocco di Clio Barnard è evidente per tutti e sei gli episodi de Il serpente dell’Essex, tra bellezza rurale e intensità psicologica, anche se in questo caso, per l’ambientazione e (forse) per il contributo finanziario di Apple, c’è un’eleganza formale aggiuntiva rispetto alle sue opere cinematografiche che tendono ad avere un’estetica più scarna (non per niente è stata paragonata a Ken Loach). E se questo da un lato contribuisce al successo della struttura a enigma in ottica gotica, dall’altro conferisce alla miniserie una certa qualità artefatta, riscontrabile anche nella performance di Claire Danes che, pur sapendosi cimentare benissimo con l’accento inglese, lascia trasparire in alcuni punti l’aura dell’attrice americana alle prese con il classico ruolo britannico di prestigio. Qualità evidente soprattutto nel contrasto recitativo tra lei e Tom Hiddleston, il cui stile passionale e al contempo represso si sposa idealmente con il personaggio e l’epoca raccontata. Una strana coppia che alimenta questo discontinuo ma divertente mistero romantico, da assaporare, a scelta, in modalità episodica o, ora che la miniserie si è conclusa, in un’unica tirata come da consuetudine sulle piattaforme.

Il serpente dell'Essex, la locandina della serie

Scheda

Titolo originale: The Essex Serpent
Regia: Clio Barnard
Paese/anno: Regno Unito / 2022
Durata: 288’
Genere: Drammatico, Poliziesco
Cast: Clémence Poésy, Frank Dillane, Hayley Squires, Lily-Rose Aslandogdu, Tom Hiddleston, Caspar Griffiths, Claire Danes, David Streames, Dixie Egerickx, Gerard Kearns, Jamael Westman, Matt Brewer, Michael Jibson, Robin Berry, Ryan Reffell, Tommy French
Sceneggiatura: Jess Brittain, Hania Elkington, Anna Symon, Juliette Towhidi, Clio Barnard
Fotografia: David Raedeker
Montaggio: Lucia Zucchetti
Musiche: Dustin O'Halloran, Herdís Stefánsdóttir
Produttore: Nicky Earnshaw, Clio Barnard, Andrea Cornwell, Karl Liegis
Casa di Produzione: See-Saw Films
Distribuzione: Apple TV+

Data di uscita: 13/05/2022

Pubblicità

Trailer

Dagli stessi registi o sceneggiatori

Pubblicità
Max Borg
Giornalista e traduttore freelance, collabora con varie testate in Italia e Svizzera e con festival come Locarno e la Berlinale. Ama la sala, ma non disdegna le piattaforme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.