JOHNNY DEPP PRENDE LA PAROLA: SONO OSSESSIONATO DALLA VERITÀ

JOHNNY DEPP PRENDE LA PAROLA: SONO OSSESSIONATO DALLA VERITÀ

Prima testimonianza per Johnny Depp nella causa per diffamazione contro l'ex moglie Amber Heard: «voglio solo la verità», ha detto.

Pubblicità

Come anticipato, Johnny Depp ha ieri testimoniato nella causa per diffamazione che lo vede opposto all’ex moglie Amber Heard, per l’articolo sul Washington Post, risalente al dicembre 2018, in cui la donna lo accusava di violenza domestica. La testimonianza era ampiamente prevista ma è stata fatta con notevole anticipo rispetto a quanto ipotizzato.

«Al momento l’unica cosa che mi interessa davvero è la verità. Le bugie portano da nessuna parte, anzi bugia chiama bugia. Sono ossessionato dalla verità» ha raccontato.

A domanda precisa del suo legale, Depp ha respinto ogni accusa di violenza, compresa un’aggressione sessuale durante un viaggio in Australia, nel 2015.

«Sono qui per difendermi, ma anche per difendere i miei figli. Non sopporto l’idea che possano andare a scuola e subire attacchi da parte dei compagni per la condotta del loro padre. E trovo assurdo essere considerato Cenerentola e dopo pochi secondi diventare Quasimodo» ha continuato.

Depp ha anche parlato della sua infanzia difficile in Kentucky con una madre piuttosto violenta che era solita colpirlo con oggetti o picchiarlo con i tacchi delle scarpe.

Ha poi dedicato più di un pensiero all’ex moglie, parlando di relazione quasi troppo bella per essere vera, nei primi tempi. Prima che la Heard diventasse un’altra persona. L’attore ha anche parlato del suo abuso di sostanze stupefacenti, «prese per stordirmi e dimenticare i fantasmi della mia infanzia» ha specificato. «Non sono certo quella persona che ha bisogno di farsi per stare a mille» ha poi concluso.

Oggi è prevista una nuova testimonianza di Mr. Depp.

Pubblicità
Francesca Fiorentino
Giornalista professionista, ho cominciato a lavorare in radio e continuo a parlare attraverso i podcast. Amo il cinema, la scrittura, le margherite, le magliette a righe, i regali inaspettati e i taccuini nuovi. Ovviamente anche la pizza. Qui leggi il mio sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.