FLORIDA

FLORIDA

Con una regia “invisibile”, e tuttavia con un piglio sentito e capace di spaziare dalla commedia al melodramma, Philippe Le Guay racconta in Florida una storia dolente, che impatta i temi della memoria e della riconciliazione familiare.

Florida mon amour

Pubblicità

Claude Lherminier, ottantenne ex imprenditore, è ancora baldanzoso e abituato a imporsi, come ha sempre fatto nel suo lavoro. Sostituito alla guida della sua cartiera dalla figlia Carole, l’uomo non vuole ammettere di stare sperimentando i primi importanti sintomi della demenza senile. Carole, preoccupata per il deteriorarsi delle sue condizioni, lo affida a una badante dopo l’altra: ma ognuna finisce regolarmente per lasciare il lavoro, a causa dell’atteggiamento ostile e indisponente dell’uomo. Claude, inoltre, ha un desiderio che diventa gradualmente un’ossessione: rivedere l’altra sua figlia, Alice, che ora vive in Florida. Mentre la sua mente perde presa sulla realtà, e i ricordi si mescolano ai sogni, Claude inizia a programmare il suo viaggio in Florida.

In un panorama come quello dell’attuale commedia d’Oltralpe, che negli ultimi anni ha spesso riversato sui nostri schermi prodotti levigati e standardizzati, fa piacere rilevare di tanto in tanto il tentativo di portare avanti un discorso più complesso. Un regista come Philippe Le Guay, d’altronde, ha già dimostrato una buona dose di personalità in una carriera (divisa tra cinema e televisione) quasi trentennale, che nell’ultimo decennio ci ha fatto apprezzare veri e propri blockbuster d’autore quali Le donne del 6° piano e Molière in bicicletta. Ora, il cineasta francese prende di petto una pièce teatrale del commediografo Florian Zeller, per impostare un suo personale discorso sull’invecchiamento, la memoria e la sopravvivenza degli affetti.

Lo spunto e l’intreccio di Florida potrebbero ricordare, per certi versi, quelli di un’altra commedia francese recente, il Les souvenirs diretto da Jean-Paule Rouve. Anche lì, sotto la lente di ingrandimento c’era il rapporto genitori-figli nella delicata fase dell’invecchiamento dei primi, anche in quel caso i toni lievi della commedia si mescolavano a una sottile malinconia, anche lì un viaggio si incaricava di illuminare la memoria. Ma il film di Le Guay lavora più a fondo, e con un atteggiamento molto meno compiaciuto, rispetto a quello del suo collega; e la morale che se ne ricava è molto meno conciliatoria. Il bozzetto familiare semplificato, lo status quo borghese che (in ogni fase della vita) trionfa, non abitano qui: piuttosto, laddove si ride, si ride con disagio e amarezza. E il viaggio intrapreso dal protagonista, stavolta, sarà all’insegna del dolore e di un’acquisita consapevolezza.

Film di scrittura e di attori, Florida deve molto alla prova del suo protagonista Jean Rochefort, che insieme alla controparte Sandrine Kiberlain porta sulle sue spalle buona parte della riuscita del tutto. Resta a lungo impressa la sua dolente lettura del personaggio, punteggiata a tratti da uno humour che ha il sapore della resa: un’interpretazione che, favorita da un’attenta costruzione del carattere in fase di sceneggiatura, esalta la versatilità di un attore capace di passare con naturalezza attraverso vari registri, mantenendo sempre centrata ed efficace la resa d’insieme. Sul suo volto, e nei dialoghi (sempre ben scritti e credibili) col personaggio della Kiberlain, si trova tutta la consapevolezza, nascosta sotto la scorza cinica, di un mondo che sta scivolando sotto la sua presa. La sceneggiatura segue così l’impossibile ricerca del protagonista, mostrando un’empatia e un calore che gradatamente danno corpo e sostanza al film; lo fanno parallelamente al digradare dei toni da commedia verso un autunnale e poco conciliatorio melodramma.

Restando coerente con le origini teatrali del soggetto, Le Guay sceglie in Florida di farsi da parte, mantenendo una regia invisibile, più anonima che giocata sottotraccia. Ci si potrebbe domandare (un po’ oziosamente) cosa sarebbe stato del film se la resa scenica del protagonista non l’avesse innervato e sostenuto in modo così evidente. Va sottolineato in ogni caso come la natura autunnale, dolente e pessimistica del soggetto, potrebbe cogliere impreparati quegli spettatori che si aspettassero la classica, standardizzata commedia transalpina.

Florida poster locandina

Scheda

Titolo originale: Floride
Regia: Philippe Le Guay
Paese/anno: Francia / 2015
Durata: 110’
Genere: Commedia
Cast: Anamaria Marinca, Audrey Looten, Carine Piazzi, Charline Bourgeois-Tacquet, Christèle Tual, Clément Métayer, Coline Beal, David Clark, Denis Falgoux, Édith Le Merdy, Guillaume Briat, Jean Rochefort, Kelina Riva, Laurent Lucas, Martine Erhel, Philippe Duclos, Rémy Roubakha, Sandrine Kiberlain, Stéphanie Bataille, Xavier de Guillebon
Sceneggiatura: Philippe Le Guay, Jérôme Tonnerre
Fotografia: Jean-Claude Larrieu
Montaggio: Monica Coleman
Musiche: Jorge Arriagada
Produttore: Philippe Carcassonne, Julien Deris, Franck Elbase, Gregory Faes, David Gauquié, Sidonie Dumas, Nicolas Lesage, Francis Boespflug, Jean-Louis Livi, Valérie Boyer
Casa di Produzione: France 2 Cinéma, Rhône-Alpes Cinéma, Sofica Manon 5, France Télévisions, Canal+, F Comme Film, Ciné+, Ciné@, Cinéfrance 1888, Gaumont, D8, Delta Cinéma, La Banque Postale Image 8
Distribuzione: Academy Two

Data di uscita: 05/05/2016

Trailer

Dagli stessi registi o sceneggiatori

Pubblicità
Marco Minniti
Giornalista pubblicista e critico cinematografico. Collaboro, o ho collaborato, con varie testate web e cartacee, tra cui (in ordine di tempo) L'Acchiappafilm, Movieplayer.it e Quinlan.it. Dal 2018 sono consulente per le rassegne psico-educative "Stelle Diverse" e "Aspie Saturday Film", organizzate dal centro di Roma CuoreMenteLab. Nel 2019 ho fondato il sito Asbury Movies, di cui sono editore e direttore responsabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.