COSA MI LASCI DI TE: ONLINE IL TRAILER DEL DRAMMA DEI FRATELLI ERWIN

COSA MI LASCI DI TE: ONLINE IL TRAILER DEL DRAMMA DEI FRATELLI ERWIN

Notorious Pictures ha diffuso il trailer ufficiale di Cosa mi lasci di te, dramma diretto da Andrew e Jon Erwin, basato sulla storia familiare del cantautore americano Jeremy Camp. L'uscita è prevista per marzo 2020.

Pubblicità

È online da oggi il trailer ufficiale di Cosa mi lasci di te, nuovo dramma diretto da Andrew e Jon Erwin (già registi di Una canzone per mio padre), ispirato alla vera storia della star del christian rock americano, Jeremy Camp. Il cantautore, nel 2000, sposò la donna che amava, Melissa, pur sapendo che sarebbe morta di lì a poco per una grave malattia. Il film vedrà l’attore KJ Apa nel ruolo del protagonista e Britt Robertson in quello di sua moglie, mentre il cast è completato dai nomi di Abigail Cowen, Melissa Roxburgh, Nathan Parsons, Gary Sinise e Shania Twain.

Riportiamo di seguito la sinossi ufficiale:
“La vera storia della vita di Jeremy Camp, musicista e cantautore americano. Il ragazzo infatti nel 2000, a soli 23 anni, sposa Melissa, una ragazza di 21. I Still Believe è la prima canzone che Jeremy scrive per la moglie. Il film infatti tratterà di come la fiducia e la speranza abbiano aiutato il cantante nel suo percorso di accettazione della malattia della ragazza amata. Amore, tristezza, speranza sono alcune delle tematiche principali di Cosa mi lasci di te. Un viaggio d’amore che sembra dimostrare che c’è sempre speranza”.

Cosa mi lasci di te arriverà in sala a marzo 2020. Potete visionare qui sotto il trailer in italiano, diffuso oggi.

Trailer

Pubblicità
Marco Minniti
Giornalista pubblicista e critico cinematografico. Collaboro, o ho collaborato, con varie testate web e cartacee, tra cui (in ordine di tempo) L'Acchiappafilm, Movieplayer.it e Quinlan.it. Dal 2018 sono consulente per le rassegne psico-educative "Stelle Diverse" e "Aspie Saturday Film", organizzate dal centro di Roma CuoreMenteLab. Nel 2019 ho fondato il sito Asbury Movies, di cui sono editore e direttore responsabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.