JUDAS AND THE BLACK MESSIAH

JUDAS AND THE BLACK MESSIAH

C’è Daniel Kaluuya, leader delle Pantere Nere. E poi c’è Lakeith Stanfield, ladruncolo aspirante rivoluzionario e informatore FBI al soldo del padrone bianco (Jesse Plemons e Martin Sheen). Judas and the Black Messiah, candidato a 6 Premi Oscar, è un dramma storico che mescola il gusto per il thriller all’esplorazione intima. L’ottima regia di Shaka King lega la storia americana a dilemmi morali universali, il passato al presente tormentato. Kaluuya e Stanfield su livelli notevolissimi. Dal 9 aprile sulle principali piattaforme streaming.

Una storia americana

Pubblicità

Basterà la neanche troppo velata (eufemismo) allusione biblica racchiusa nel titolo a porre l’accento sul versante spirituale della faccenda. Ma va aggiunto qualcosa. Perchè Judas and the Black Messiah, dal 9 aprile disponibile per l’acquisto e il noleggio sulle principali piattaforme streaming, è un curioso e perlopiù riuscito ibrido di generi. C’è qualcosa di molto interessante nel senso delle proporzioni del regista Shaka King, che co-sceneggia anche. Il suo film ha la scorza dura e senza fronzoli del thriller poliziesco, è una saporita ricostruzione storica, musicalmente raffinato, mette il dito nella piaga morale, gioca con la forma (materiali di repertorio etc.). Ancorato da due interpretazioni torreggianti: un imponente Daniel Kaluuya nella parte di Freddie Hampton, chairman (presidente) della sezione Illinois (la s non si legge) delle Pantere Nere; e un altrettanto notevole Lakeith Stanfield, infiltrato FBI e “periscopio” del grand’uomo, in perenne oscillazione tra contraddittorie fedeltà e impellenti bisogni. Candidato a sei premi Oscar.

Il Vangelo secondo Giuda

Judas and the Black Messiah recensione

Lo spettro morale di Judas and the Black Messiah è definito con asciutta precisione. I buoni da una parte, i cattivi dall’altra, Stanfield al centro; arbitro mediatore e angelo caduto. Questo è il Vangelo di Giuda, nel senso che l’esperienza del tradimento è utilizzata da King come avamposto narrativo e morale per raccontare qualcosa di molto interessante sullo scandaloso cuore razzista della società americana, sulla persecuzione istituzionale organizzata e su un sogno, un’utopia folle di giustizia e uguaglianza trasversale. Il sogno di Freddie Hampton, il film è palesemente dalla sua parte, lo mette in grossi guai.

Hampton vs Hoover

Judas and the Black Messiah recensione

Tratto da una storia vera. L’ambizione di Hampton è di saldare il bisogno di giustizia sociale e piena emancipazione degli afroamericani alle necessità di gruppi apparentemente lontani sul piano ideologico. Il suo fronte è cosmopolita, americano nel senso più nobile della parola. Retaggio della mentalità inclusiva e maledettamente sognatrice dei tardi anni ’60 per cui ogni oppresso, indipendentemente da età, sesso e convinzioni politiche, quindi anche un bianco oppresso – qui sta il punto – può essere artefice della rivoluzione. Quasi superfluo aggiungere che J. Edgar Hoover, un pesantemente truccato Martin Sheen, non la prende niente bene.

E sguinzaglia il galoppino Jesse Plemons, cui affida il compito di mettere in moto Giuda/Stanfield, ladruncolo da quattro soldi plasmato dalla minaccia della galera e dalla promessa del riscatto economico. Judas and the Black Messiah incastra i piani di lettura, mattoncino dopo mattoncino. Un guardie e ladri d’epoca ma tarato sull’oggi, costruito sul dilemma morale di un uomo preso tra due fuochi. Lo sporco lavoro dell’infiltrato e la seduzione di un’ideologia rivoluzionaria, che forse o forse no potrà fare a meno della violenza. L’esito di questo conflitto, la storia di Hoover, di Hampton, di William O’Neal – questo il nome della talpa – dell’America tutta, è consegnata ai libri di storia.

Bianco e nero

Judas and the Black Messiah recensione

C’è molto, di irrisolto, nella relazione tra Jesse Plemons e Lakeith Stanfield. Il razzismo nemmeno troppo latente del primo, la sudditanza strisciante del secondo nei confronti dell’istinto manipolatore del grande burattinaio bianco; il film non coltiva a sufficienza questa parentesi ed è un peccato, ma il cuore e l’attenzione di Shaka King sono rivolti altrove. Il bianco, qui, sbiadisce nel bozzetto, la caricatura sterile. Meritava più spazio e attenzione la brava Dominique Fishback (The Deuce), Deborah Johnson compagna di vita e di lotta di Hampton.

Pubblicità

Passo a due

Ma proprio qui sta il punto. Judas and the Black Messiah è un passo a due, il riflesso di traiettorie esistenziali opposte. La purezza di un ideale e la malinconia del tradimento. Il film sceglie la sua trincea e da lì combatte. Ma il furore partigiano è bilanciato dall’integrità del punto di vista complessivo, l’onestà delle intenzioni. Daniel Kaluuya infonde al suo Hampton magnetismo, istinto da seduttore e una fisicità importante. Lakeith Stanfield modula l’inquietudine e qualche exploit sopra le righe della sua talpa con una performance trattenuta e tormentata. Nel percorso di questi due uomini, il retaggio di una storia più grande. Antefatti, riflessioni e ipotesi su una pagina di storia americana ben lontana dall’agognato traguardo, la parola fine.

Judas and the Black Messiah poster locandina

Scheda

Titolo originale: Judas and the Black Messiah
Regia: Shaka King
Paese/anno: Stati Uniti / 2021
Durata: 126’
Genere: Drammatico
Cast: Algee Smith, Amari Cheatom, Ashton Sanders, Caleb Eberhardt, Daniel Kaluuya, Darrell Britt-Gibson, Dominique Fishback, Dominique Thorne, Ian Duff, Jesse Plemons, Khris Davis, Lakeith Stanfield, Lil Rel Howery, Martin Sheen, Robert Longstreet
Sceneggiatura: Shaka King, Will Berson
Fotografia: Sean Bobbitt
Montaggio: Kristan Sprague
Musiche: Mark Isham, Craig Harris
Produttore: Will Berson, Charles D. King, Ryan Coogler, Shaka King, Kenneth Lucas, Keith Lucas
Casa di Produzione: Participant, Bron Creative, Proximity, BRON Studios, MACRO
Distribuzione: Warner Bros.

Data di uscita: 09/04/2021

Trailer

Pubblicità
Francesco Costantini
Nato a Roma a un certo punto degli anni '80 del secolo scorso. Laurea in Scienze Politiche. Amo il cinema, la musica, la letteratura. Aspirante maratoneta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.