THE BOOK OF BOBA FETT 1X07 – IN NOME DELL’ONORE

THE BOOK OF BOBA FETT 1X07 – IN NOME DELL’ONORE

Creata da Jon Favreau

Il settimo capitolo di The Book of Boba Fett è caratterizzato da uno scontro cittadino in cui ogni personaggio apparso, anche solo fugacemente, fa la sua comparsa. Ancora una volta, però, il risultato appare troppo fragile dal punto di vista narrativo e per un protagonista che, non spogliandosi mai della sua armatura, non è riuscito nemmeno a sfiorare il livello di antieroe.

Dopo la calma, la tempesta

Pubblicità

Dopo sei episodi in cui difficilmente si è riusciti a trovare un nesso narrativo e, tanto meno, abbiamo assistito a un reale sviluppo della vicenda, improvvisamente The Book of Boba Fett sembra mettere il turbo e puntare tutto sul settimo e ultimo capitolo di questa prima stagione, intitolato In nome dell’onore. Una velocità che, seppur renda il racconto finalmente movimentato, rimane comunque inspiegabilmente slegata dal resto della struttura portante e, quindi, priva di un reale fondamento. Così, dopo ben due episodi in cui il personaggio di Boba Fett sembrava misteriosamente disperso e decentrato rispetto agli accadimenti, per questa puntata finale torna improvvisamente in prima linea, pronto a resistere agli attacchi del sindacato Pike e a difendere le strade della sua città. Per farlo si arrocca nel suo quartier generale bombardato misteriosamente da un altrettanto improvviso e incomprensibile inizio delle belligeranze.

Accanto a lui la fedele Fennec Shand, il Mandaloriano, mentre il wookiee Krrsantan ed la banda di motociclisti pattugliano le strade della città per non essere colti di sorpresa da un eventuale attacco. Mai come in questa puntata, dunque, si ripropone pienamente la struttura del western con tanto di resistenza nel fortino diroccato, confronto faccia a faccia con il villain della situazione dal grilletto facile e l’inevitabile assedio con tanto di arrivo della cavalleria al momento più opportuno. Tutto questo declinato all’interno di quella che dovrebbe essere una scenografia fantascientifica ma che, invece, somiglia sempre di più a mondi fin troppo conosciuti. Al di la della struttura narrativa piuttosto prevedile, poi, questo settimo episodio è caratterizzato esclusivamente da uno scontro a fuoco perenne che, seppur coreografato con una certa attenzione, non riesce a essere coinvolgente e credibile nemmeno per un secondo. La causa di questo risiede soprattutto in una struttura narrativa veramente slegata e troppo superficiale che non è riuscita a creare empatia con il personaggio e, soprattutto, interesse nella vicenda. Visto l’intreccio sempre troppo elementare e poco strutturato.

Arrivano i nostri

The Book of Boba Fett 1x07 recensione

Un altro aspetto che caratterizza nettamente questo settimo episodio rispetto ai precedenti è la sovrappopolazione di personaggi, spesso tutti radunati nella stessa scena. Dopo aver assistito a sei episodi quasi sempre carenti di azione e interazione, per questo finale di stagione tutti si ritrovano a condividere uno scopo che, onestamente, ha ben poco senso o motivazioni per scatenare l’indignazione generale. Sono lontani i tempi in cui i ribelli della Repubblica dovevano combattere contro la tirannia dell’Impero. In questo caso tutto si riduce a un fatto di dominio cittadino, a una sorta di ordine pubblico tra il sindacato dei Pike e la voglia di mettere ordine da parte di Boba Fett.

Per questa missione che ha veramente dei risvolti poco credibili si ritrovano, fianco a fianco, lo steso Fett, il Mandaloriano, la popolazione di FreeTown, dopo l’assassinio a sangue freddo del suo sceriffo, il Rancor, cavalcato dallo stesso Fett e, per ultimo, ma non meno importante, il piccolo Grogu che, indossata la cotta forgiata per lui dal Mandolariano, sceglie di abbandonare l’addestramento jedi. Insomma, un nutrito gruppo di protagonisti e co-protagonisti che assembrano il campo di battaglia spesso in modo disordinato, producendo solo una quantità sostanziosa di rumore finalizzato al nulla. Uno scontro che trova l’unico momento epico nel faccia a faccia finale tra Boba Fett e Cad Bane, sconfitto con l’arma forgiata dalla tribù del deserto. In questo caso, dunque, il protagonista ritrova la sua anima di guerriero per vendicare la strage di chi lo aveva accolto dandogli un senso di appartenenza. Peccato che abbia la durata di un secondo.

Conclusioni

The Book of Boba Fett 1x07 recensione

Arrivati a questo punto e dando per scontato che assisteremo sicuramente a una seconda stagione, proviamo a fare il punto su questa prima parte di The Book of Boba Fett. Quello che lascia interdetti è, come è stato più volte sottolineato, la scelta di puntare su una struttura narrativa fragile, priva di una spinta emozionale forte e di un protagonista effettivamente presente. Anche i riferimenti al genere western che, soprattutto nell’ultimo episodio, abbondano in modo evidente, non sembrano avere una ragione di essere, visto che la vicenda non vive dell’enfasi e dell’etica eroica tipica dei racconti di frontiera. A questo, poi, si aggiunge uno stato di continua attesa, che fa vivere, soprattutto nei primi episodi, come un eterno prologo in attesa che la vicenda si palesi in qualche modo. Per finire, l’incomprensibile scelta di gestire due episodi completamente slegati dalla narrazione centrale dove l’atmosfera e le ambientazioni tornano a trasportare lo spettatore nei luoghi tipici della mitologia di Star Wars. Tirando le somme, dunque, si ha la sensazione di un impianto narrativo confuso e poco definito che, forse, attende una seconda stagione per compiersi definitivamente, correndo il rischio di non creare un legame con il pubblico.

The Book of Boba Fett 1X01 poster locandina

Scheda

Titolo originale: The Book of Boba Fett 1×07 – In the Name of Honor
Creata da: Jon Favreau
Regia: Robert Rodriguez
Paese/anno: Stati Uniti / 2022
Durata: 50’
Genere: Avventura, Fantascienza
Cast: Carey Jones, Corey Burton, David Pasquesi, Jordan Bolger, Matt Berry, Ming-Na Wen, Pedro Pascal, Sophie Thatcher, Temuera Morrison, Vanessa Zamarripa
Sceneggiatura: Noah Kloor, Jon Favreau
Fotografia: David Klein
Montaggio: Andrew S. Eisen
Musiche: Ludwig Göransson, Joseph Shirley
Produttore: Kathleen Kennedy, John Bartnicki, John Hampian, Dave Filoni
Casa di Produzione: Lucasfilm
Distribuzione: Disney+

Data di uscita: 09/02/2022

Pubblicità

Trailer

Pubblicità
Tiziana Morganti
Fin da bambina, ho sempre desiderato raccontare storie. Ed eccomi qui, dopo un po’ di tempo, a fare proprio quello che desideravo, narrando o reinterpretando il mondo immaginato da altri. Da quando ho iniziato a occuparmi di giornalismo, ho capito che la lieve profondità del cinema era il mio luogo naturale. E non poteva essere altrimenti, visto che, grazie a mia madre, sono cresciuta a pane, musical, suspense di Hitchcock, animazioni Disney e le galassie lontane lontane di Star Wars; e un ruolo importante l’ha avuto anche il romanticismo di Truffaut. Nel tempo sono diventata giornalista pubblicista; da Radio Incontro e il giornale locale La voce di Roma, passando per altri magazine cinematografici come Movieplayer e il blog al femminile Smackonline, ho capito che ciò che conta è avere una struggente passione per questo lavoro. D’altronde, viste le difficoltà e le frustrazioni che spesso s’incontrano, serve un grande amore per continuare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.