DC LEAGUE OF SUPER-PETS

DC LEAGUE OF SUPER-PETS

Variante animata – e destinata ai più giovani – dell’universo DC, DC League of Super-Pets è semplice quanto gradevole, caratterizzato da una struttura mutuata da molti cinecomic moderni, e costellato di frequenti citazioni a questi ultimi. Un prodotto all’interno del quale gli aficionados DC saranno comunque felici di rivedere (pur in una diversa versione) i loro eroi.

I nuovi super-amici

Pubblicità

La dimensione “collettiva” dell’universo DC, messa in crisi dalle note vicissitudini legate alla Justice League di Zack Snyder (con la sua successiva versione approvata dal regista), e poi apparentemente accantonata con l’uscita di blockbuster stand-alone come Joker e The Batman, sembra tornare, ora, nel campo dell’animazione. È un po’ paradossale sentir di nuovo nominare – e rivedere in azione – la Justice League proprio in un film dedicato ai più giovani come questo DC League of Super-Pets, in una dimensione ovviamente diversa da quella del DC Extended Universe, ma indiscutibilmente a esso legata. Un film, quello di Jared Stern, progettato già nel 2018 – quando l’universo DC sembrava ancora in piedi, pur negli altalenanti risultati artistici e commerciali – e arrivato al cinema solo ora, proprio parallelamente agli scossoni in casa DC/Warner, e agli ancora non chiari progetti di ristrutturazione dell’intero media franchise (iniziati con la cancellazione di Batgirl). La dimensione corale e programmata del progetto audiovisivo DC, insomma – mutuata dai rivali della Marvel – potrebbe tornare presto anche nel campo del cinema live action per adulti; in attesa di conoscere gli sviluppi di una situazione ancora fluida, tuttavia, si può ingannare il tempo con questo prodotto d’animazione per famiglie, tratto dalla Legion of Super-Pets fumettistica creata negli anni ‘60. Un prodotto il cui taglio narrativo, comunque, resta molto vicino a quello di molti odierni cinecomic.

La supersquadra si forma

DC League of Super-Pets, Merton, PB, Krypto, Chip e Ace in una scena
DC League of Super-Pets, Merton, PB, Krypto, Chip e Ace in una scena del film

Al centro del plot di DC League of Super-Pets c’è il cane Krypto, fidato compagno di Clark Kent/Superman, che qui ha costantemente accompagnato l’eroe fin da quando, in fasce, i genitori lo posero nella capsula destinata a raggiungere la Terra. Amico inseparabile di Clark e sua spalla nella lotta al crimine, Krypto inizia a dare segni di gelosia e tristezza quando l’eroe fa finalmente la sua proposta di matrimonio all’amata Lois Lane. Clark, notando il mutato atteggiamento del cane, pensa così che sia arrivato il momento di trovargli un amico a quattro zampe; un proposito che si realizzerà inaspettatamente prima del previsto, quando un’azione criminale di Lex Luthor fa piovere sulla Terra frammenti di kryptonite arancione, una variante in grado di conferire poteri eccezionali solo agli animali. La kryptonite, intercettata dal perfido porcellino d’India Lulu – già cavia di laboratorio di Luthor – piove sul locale rifugio per animali, conferendo a tutti gli esemplari rinchiusi poteri straordinari; il cane Asso diventerà fortissimo e resistente, la maialina PB acquisterà la facoltà di cambiare grandezza a piacimento, la tartaruga Merton acquisirà una velocità supersonica, e lo scoiattolo Chip si ritroverà capace di lanciare fulmini dal corpo. I quattro animali si uniranno così a Krypto allo scopo di fermare Lulu, che nel frattempo ha messo in atto un piano diabolico con lo scopo di riunirsi al suo padrone Lex Luthor.

Stessa formula, diverso formato

DC League of Super-Pets, Batman e un amico a quattro zampe nel film
DC League of Super-Pets, Batman e il fidato Asso nel film d’animazione

Al netto della particolarità del soggetto e dei personaggi coinvolti – e dell’ovvio accomodamento delle atmosfere nell’ottica di un prodotto per famiglie – DC League of Super-Pets non si discosta molto, nel suo canovaccio, da un classico cinecomic moderno, situato da qualche parte tra l’epica “quadrata” e roboante dell’universo cinematografico DC (mutuata in gran parte dalle storie a fumetti) e l’approccio più light e scanzonato dei film Marvel. Il film di Jared Stern si concede anche qualche ammiccamento ai classici moderni del filone, col riferimento al Lucius Fox interpretato da Morgan Freeman nella trilogia de Il cavaliere oscuro, e con una scherzosa, accennata evocazione del personaggio di Iron Man, appartenente ovviamente all’universo rivale della Marvel. Senza dimenticare, ovviamente, il preponderante focus sul personaggio di Superman, sia nella sua versione più recente (il prologo ambientato su Krypton riprende, a grandi linee, quello del film di Snyder L’uomo d’acciaio) sia in quella passata: il costume dell’eroe ricalca infatti quello che al cinema ci è diventato familiare nell’iconico adattamento del 1978 interpretato da Christopher Reeve – di cui risentiamo persino, in alcuni passaggi, un accenno del tema musicale di John Williams. Strizzate d’occhio e ammiccamenti ormai usuali nei blockbuster d’animazione (e non solo) che qui puntellano gradevolmente – ma anche in modo un po’ fine a se stesso – una storia piacevole quanto risaputa, che sceglie la via più semplice per coinvolgere tanto i piccoli spettatori, quanto gli adulti che li accompagnano.

Un divertissment effimero

DC League of Super-Pets, Cyborg e Green Lantern in una scena
DC League of Super-Pets, Cyborg e Green Lantern in una scena del film

Gli spettatori “orfani” dello Snyderverse – in attesa di poter trovare di nuovo, in campo live action, qualcosa di affine ai loro gusti – saranno comunque moderatamente felici di rivedere insieme i personaggi di Superman, Batman, Wonder Woman, Aquaman, Flash, Cyborg e Green Lantern, anche se ovviamente in ruoli subalterni rispetto alle loro intraprendenti e coraggiose controparti a quattro zampe. Costellato di buone dosi di fan service fumettistico e nerd, ma anche caratterizzato da un’attenzione alla linearità della trama che non disorienti troppo i più piccoli, DC League of Super-Pets è gradevole quanto effimero, al punto da sfiorare a tratti il semplicismo. Il film di Stern, fattosi le ossa nel genere con le sceneggiature dei precedenti LEGO Batman e LEGO Ninjago, non riesce a sfruttare al meglio le potenzialità decostruttive del linguaggio dell’animazione, limitandosi all’elementare affiancamento di un eroe-pet a ogni eroe (super)umano, e caratterizzando i nuovi personaggi solo lo stretto indispensabile per coinvolgere gli spettatori più giovani. Pur restando nei confini di concept del progetto, si poteva probabilmente creare un prodotto più arguto, specie visto il potere parodistico dell’animazione; un potenziale qui solo accennato, innestato qui su un filone – quello supereroistico – che spesso e volentieri riesce a smitizzarsi e decostruirsi per suo conto. Il film, invece, resta poco più di un gradevole divertissment, con qualche passaggio narrativo affrettato (la trasformazione in super-villain, nella parte finale, del principale cattivo Lulu) e un esito – sequenze post-credits comprese – piacevolmente prevedibile. Ma forse, in casi come questo, le aspettative non dovrebbero trascendere troppo le caratteristiche di partenza di un progetto, caratteristiche qui in fondo rispettate.

DC League of Super-Pets, la locandina italiana
Pubblicità

Scheda

Titolo originale: DC League of Super-Pets
Regia: Jared Stern, Sam J. Levine
Paese/anno: Stati Uniti / 2022
Durata: 105’
Genere: Commedia, Avventura, Animazione, Fantastico
Cast: Alfred Molina, Ben Schwartz, Dascha Polanco, Daveed Diggs, Diego Luna, Dwayne Johnson, Jemaine Clement, John Early, John Krasinski, Kate McKinnon, Keanu Reeves, Keith David, Kevin Hart, Lena Headey, Marc Maron, Natasha Lyonne, Olivia Wilde, Thomas Middleditch, Maya Erskine, Jameela Jamil, Vanessa Bayer, Yvette Nicole Brown
Sceneggiatura: Jared Stern, John Whittington
Montaggio: Jhoanne Reyes, David Bret Egen
Musiche: Steve Jablonsky
Produttore: Dwayne Johnson, Dany Garcia, Patricia Hicks, Brian Lynch, Jared Stern, Hiram Garcia
Casa di Produzione: Seven Bucks Productions, A Stern Talking To, DC Entertainment, Warner Animation Group
Distribuzione: Warner Bros.

Data di uscita: 01/09/2022

Trailer

Dagli stessi registi o sceneggiatori

Pubblicità
Marco Minniti
Giornalista pubblicista e critico cinematografico. Collaboro, o ho collaborato, con varie testate web e cartacee, tra cui (in ordine di tempo) L'Acchiappafilm, Movieplayer.it e Quinlan.it. Dal 2018 sono consulente per le rassegne psico-educative "Stelle Diverse" e "Aspie Saturday Film", organizzate dal centro di Roma CuoreMenteLab. Nel 2019 ho fondato il sito Asbury Movies, di cui sono editore e direttore responsabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.