SHE-HULK: ATTORNEY AT LAW 1X06

SHE-HULK: ATTORNEY AT LAW 1X06

Creata da Jessica Gao

Una puntata di transizione, questa sesta di She-Hulk, prima di entrare nel vivo dell’azione, estemporanea e ilarmente sardonica nei confronti dell’ennesima piaga della società contemporanea americana.

She-Hulk cambia rotta

Pubblicità

L’epilogo dello scorso episodio di She-Hulk anticipava l’arrivo di una nuova, ennesima guest, la più presitgiosa: Daredevil. Di Matt Murdock non c’è ombra in questo sesto episodio di She Hulk – Attorney at Law, che invece accantona momentaneamente la parte supereroistica fino quasi alla fine della puntata per concentrarsi sulle declinazioni della commedia al femminile. È più Ally McBeal che mai, questo episodio intitolato Jennifer e basta, e incentrato su uno degli eventi mondani più temuti dalle donne single dopo le riunioni familiari: il matrimonio dell’amica del liceo. Jennifer viene coercizzata a presenziare come damigella alle nozze di una compagna delle superiori, Lulu, che non vede da eoni, cerimonia alla quale accetta di partecipare consapevole di avviarsi al martirio.

Gli stereotipi dell’istituzione del matrimonio alla berlina

She-Hulk - Attorney at Law, un momento del sesto episodi
She-Hulk – Attorney at Law, un momento del sesto episodio della serie

Si presenterà come She-Hulk, nella speranza che il suo alter ego più sicuro di sé, attraente e intimidatorio la protegga dalle aggressioni sistematiche delle coetanee camuffate che dispensano falsa amicizia e compassione non necessaria. Sì, perché questa puntata segue la falsariga di Romy & Michelle, commedia di culto degli anni ’90 con Lisa Kudrow e Mira Sorvino, solo che a tornare al paesino dove era considerata l’outsider della scuola non sono una coppia di amiche svampite ma Jennifer Walters, avvocato di successo in una delle più grandi metropoli del mondo e alter ego della supereroina She-Hulk. Mentre Nikki e Amelia se ne restano in ufficio a confrontarsi con un nuovo cliente dotato di superpoteri – l’argomento della puntata è il matrimonio, la vita da sposati e la sua fine – alle prese con il divorzio, Jen è la vittima di un incubo surreale diventato realtà che illustra tutti gli aspetti più ridicoli delle nozze delle tipiche bridezilla americane. Lulu e le sue damigelle mascherano la gelosia nei confronti di Jen, donna in carriera realizzata e indipendente, bullizzandola e facendole pesare la mancanza di un partner, l’unica conquista che vale davvero nella vita di una donna secondo la loro esperienza.

Il vero nemico

She-Hulk - Attorney at Law, una sequenza del sesto episodio
She-Hulk – Attorney at Law, una sequenza del sesto episodio della serie

Quello che segue è una successione di situazioni da commedia all’americana che culmina con l’immancabile, ilare disastro e un confronto clamoroso. Lo scorso episodio era dedicato alla rivalità tra l’influencer Titania e Jennifer Walters in tribunale: questo risolve l’animosità tra la superforzuta socialite e She-Hulk confluendo in un plot twist cruciale nella serie. Non è la nemesi Titania il nemico numero uno, l’avversario letale con cui dovrà confrontarsi She-Hulk, ma un’entità misteriosa e francamente più inquietante di cui viene offerto solo un assaggio. Lo show si avvia a un cambio di direzione auspicabilmente come aveva fatto in precedenza WandaVision. Le due serie non hanno solo una protagonista femminile del mondo Marvel in comune e una predilezione per i toni della sitcom: soprattutto, sono le due serie supereroistiche della Casa di Topolino che hanno sperimentato di più coi generi, che hanno preso più nettamente le distanze dal cinecomic in formato televisivo per mettere in secondo piano le dinamiche narrative e le peculiarità stilistiche del genere, per avventurarsi altrove ed espandersi. Qualcosa che, in parte più esigua, ha tentato di fare anche la prima stagione di Loki.

Un cambio di rotta

She-Hulk - Attorney at Law, Tatiana Maslany in una sequenza del sesto episodio
She-Hulk – Attorney at Law, Tatiana Maslany in una sequenza del sesto episodio della serie

Il sospetto è che She Hulk – Attorney al Law si avvii verso un drastico cambio di registro nella seconda parte della stagione, esattamente come accaduto a WandaVision, costringendo la sua protagonista a fare finalmente i conti con la sua natura e il suo destino di supereroina. Finora, lo show che porta il suo nome ha toccato solo tangenzialmente, quasi schivandole, le dinamiche narrative che informano le altre origin story dei supereroi Marvel. Essere She-Hulk è qualcosa che Jennifer – e viene ribadito più volte e in più forme – non ha ancora davvero affrontato. She-Hulk è un espediente a cui ricorrere e in cui rifugiarsi quando Jen ha bisogno di sfuggire alla propria timidezza, alla propria mediocrità e ai propri problemi, ma non è ancora una parte della sua identità che riconosce e accetta come integrale alla sua persona. Questa sesta puntata è forse la più divertente e sarcastica dello show nel suo umiliare lo stereotipo della giovane americana media della provincia, sostenendo un modello femminile più emancipato, forte, colto e moderno. Un piccolo accenno ai troll della rete è quello che rimane della critica intrapresa largamente negli episodi precedenti legata ai social media. Un episodio quindi un po’ difforme dai predecessori, di transizione, che potrebbe traghettare lo spettatore verso una nuova declinazione dello show che segua schemi classici narrativi e formali di altri spinoff televisivi degli Avengers. Speriamo di no.

She-Hulk, la locandina della serie
Pubblicità

Scheda

Titolo originale: She-Hulk: Attorney at Law
Creata da: Jessica Gao
Regia: Anu Valia
Paese/anno: Stati Uniti / 2022
Genere: Commedia, Fantastico, Azione
Cast: Charis Jeffers, Eli Everett, Malia Arrayah, Thao Thanh Nguyen, Bob Decastro, David Otunga, Eduardo Rioseco, Vas Sanchez, Darin Toonder, Benedict Wong, Brandon Stanley, Jon Bass, Mark Ruffalo, Mary Kraft, Renée Elise Goldsberry, Steve Coulter, Tatiana Maslany, Tim Roth, Benjamin Robert Bonsu, Charlie Cox, Ginger Gonzaga, Griffin Matthews, Jameela Jamil, Jason M. Edwards, Josh Segarra, Michel Curiel, Nicholas Cirillo
Sceneggiatura: Dana Schwartz
Fotografia: Florian Ballhaus
Musiche: Amie Doherty
Produttore: Kat Coiro, Jessica Gao, Kevin Feige, Jennifer Booth, Victoria Alonso, Wendy Jacobson, Louis D’Esposito
Casa di Produzione: Marvel Studios
Distribuzione: Disney+

Data di uscita: 22/09/2022

Trailer

Dagli stessi registi o sceneggiatori

Pubblicità
Lorenza Negri
Giornalista pubblicista, persona per niente seria. Fissata con gli anni ’80, la fantascienza e l’horror, i film di arti marziali e le serie coreane, i cartoni animati e i manga. E altre cose, ma non ne scrivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.