SPIRITED – MAGIA DI NATALE

SPIRITED – MAGIA DI NATALE

Sean Anders scrive e dirige Spirited – Magia di Natale, una nuova commedia natalizia perfetta per prepararsi al più magico periodo dell’anno. A suon di canzoni e coreografie, Will Ferrell e Ryan Reynolds mettono in scena la rivisitazione in chiave moderna di un grande classico della letteratura inglese: il Canto di Natale di Charles Dickens. Il film è disponibile su Apple TV+.

Miracolo di Natale

Pubblicità

Spirited – Magia di Natale è un film che segue la scia del resto della filmografia del suo regista. Parliamo di Sean Anders, che ha anche diretto Instant Family (2008) e Come ammazzare il capo 2 (2014), e ha lavorato come sceneggiatore a Come ti spaccio la famiglia (2013).

Gli ingredienti sono piuttosto simili: Spirited è una commedia condita con elementi drammatici e romantici, che in certi momenti funzionano e in altri convincono un po’ meno. Al centro troviamo due attori ormai pienamente affermati nel genere: Ryan Reynolds e Will Ferrell; quest’ultimo è stato presente anche in molti altri film del regista.

Tempi moderni

Spirited - Magia di Natale, Octavia Spencer in una scena
Spirited – Magia di Natale, Octavia Spencer in una scena del film

Fin dalla prima scena, il film mette le cose in chiaro: si tratta di una rivisitazione moderna di Canto di Natale, una delle opere più famose di Charles Dickens. Tuttavia, Spirited – Magia di Natale racconta la storia attraverso la prospettiva dello spirito del Natale Presente, che decide intraprendere una delle missioni più difficili della sua carriera. Lo spirito pianifica la redenzione di un uomo dei nostri giorni, che scopriamo essere egoista, emotivamente distaccato e classificato come impossibile da salvare. Clint è infatti uno Scrooge moderno: è ricchissimo e avaro, e ha trovato successo costruendo un’azienda che fabbrica odio. Non riuscendo ad affrontare il dolore di un lutto passato, Clint guarda al futuro incapace di costruire relazioni umane reali e durature.

La parte più interessante del film è la scelta di trasformare questa nuova trasposizione cinematografica in un musical: gli spiriti e tutti coloro che – ormai deceduti – collaborano alla riuscita del lavoro si trovano in un aldilà musicale, e vivono attraverso canzoni e coreografie, cambi di luci e transizioni di ambienti, sguardi drammatici e grandi climax. Da una parte, il film non si prende troppo sul serio ed è pensato per prendere bonariamente in giro il genere cinematografico stesso: dalle canzoni che cominciano all’improvviso per esprimere i sentimenti di un personaggio all’occhio di bue dei riflettori, usato per accentuare la drammaticità del momento. Dall’altra, Spirited crea a sua volta un musical di tutto rispetto, in cui spiccano coreografie bellissime, canzoni originali e numeri musicali che intrattengono e divertono.

La strana coppia

Spirited - Magia di Natale, Ryan Reynolds e Will Ferrell durante una sequenza
Spirited – Magia di Natale, Ryan Reynolds e Will Ferrell durante una sequenza del film

Spirited si regge sulla dinamica centrale tra Clint e lo spirito del Natale Presente e, di conseguenza, sulla chimica tra Ryan Reynolds e Will Ferrell. Entrambi sono pienamente convincenti nella comicità che mettono in scena, tipica della maggior parte dei loro film. Alcuni sketch sono riusciti e divertenti; altri risultano piuttosto forzati.

Sulla carta, non sarebbero Ryan Reynolds e Will Ferrell le scelte più ovvie per interpretare i protagonisti di un musical. Tuttavia, i due attori sono perfettamente credibili e a loro agio nelle canzoni e coreografie del film. Il casting funziona proprio per questo: Spirited – Magia di Natale è a metà tra una caricatura del musical e un esempio riuscito del genere stesso. Di conseguenza, affidare la scena a due performer in apparenza improbabili ma in realtà capaci nel ruolo si rivela una scelta intelligente e funzionale a raggiungere l’obiettivo.

Il più bel periodo dell’anno

Spirited - Magia di Natale, Ryan Reynolds e Will Ferrell in una scena
Spirited – Magia di Natale, Ryan Reynolds e Will Ferrell in una scena del film

Al centro della storia troviamo un percorso di redenzione. A Natale, “il periodo in cui si è tutti più buoni”, Clint raggiunge il suo momento peggiore. Infatti, decide di aiutare la nipotina a trovare qualcosa di compromettente sul suo avversario – anche lui adolescente – nella corsa per diventare rappresentante d’istituto.

Tuttavia, a differenza del classico di Dickens, Spirited si focalizza non solo sulla redenzione di Clint ma anche su quella dello spirito del Natale Presente, che è protagonista della vicenda tanto quanto il suo “irredimibile” compagno. Il loro incontro diventa per entrambi un’occasione per esaminare il passato, imparare dai propri errori e cercare di aggiustare il presente. Il film guarda al cambiamento come a un work in progress: non basta ripercorrere un ricordo lontano o conoscere un probabile scenario futuro per diventare improvvisamente una persona diversa. La redenzione va conquistata giorno per giorno.

Da una parte, la scelta di raccontare la prospettiva dello spirito offre un nuovo personaggio da scoprire e aggiunge un pizzico di curiosità per la storia. Dall’altra, allunga inevitabilmente i tempi e – soprattutto dopo la prima ora – l’eccessiva durata del film comincia a farsi sentire. Tuttavia, Spirited – Magia di Natale è perfetto per questo periodo dell’anno: senza troppe pretese, il film di Anders offre due ore di leggerezza e intrattenimento, ed è ottimo per entrare a pieno nell’atmosfera natalizia.

Spirited - Magia di Natale, la locandina
Pubblicità

Scheda

Titolo originale: Spirited
Regia: Sean Anders
Paese/anno: Stati Uniti / 2022
Durata: 127’
Genere: Commedia, Musical, Fantastico
Cast: Jen Tullock, Jayme Rae Dailey, Naheem Garcia, Ava Bernstine, Nico Tirozzi, Marlow Barkley, Sunita Mani, Charlene Anders, Loren G. Woods, Joe Tippett, Matt Cardenes, Aimee Carrero, Adam Grupper, Andrea Anders, Judi Dench, Octavia Spencer, Patrick Page, Rose Byrne, Ryan Reynolds, Tracy Morgan, Will Ferrell
Sceneggiatura: Sean Anders, John Morris
Fotografia: Kramer Morgenthau
Montaggio: Brad Wilhite
Musiche: Dominic Lewis
Produttore: Daniel Silverberg, Sean Anders, David Koplan, John Morris, Jessica Elbaum, George Dewey, Will Ferrell, Patrick Gooing
Casa di Produzione: Gloria Sanchez Productions, Mosaic, Maximum Effort
Distribuzione: Apple TV+

Data di uscita: 18/11/2022

Trailer

Pubblicità
Sara Di Nardo
Studentessa laureata in Journalism & Media, Culture and Identity presso la Roehampton University di Londra. Durante la mia permanenza in Inghilterra ho collaborato con il sito web cinematografico whatsontheredcarpet, e da settembre 2019 scrivo recensioni per Asbury Movies. Amo tutto ciò che è cinema e scrittura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.