THE OTHERS

THE OTHERS
di Alejandro Amenábar


Racconto nostalgico, quasi biblico; la voce suadente di una giovane Nicole Kidman dallo sguardo innocente ma conturbante. The Others è la storia sul mistero della vita e della morte. Un percorso storico e umano di scoperta che tradisce le certezze del suo spettatore con eleganza e inquietudine. Un film per metà horror, per metà thriller. The Others si mantiene inalterato nel tempo, e molto presto vedrà nuova luce con un reboot. Bisogna guardare per credere, sentire per ricordare, parola di Grace Stewart perchè tutte le cose che vediamo, un tempo non esistevano.

Non è facile come sembra

Nel 2001 Alejandro Amenàbar dirige un cult del genere horror intitolandolo The Others. Si tratta di un’opera liberamente ispirata al libro americano di Henry James The Turn of The Screw (Il giro di vite), del 1898. The Others vede al centro della trama tre protagonisti principali: Grace Stewart, Anne Stewart e Nicholas Stewart . Tra i personaggi secondari si ricordano Mrs. Bertha Mills, Lydia, Mr. Edmund Tuttle, la medium e Charles Stewart.

Nel 2002, presso i Saturn Award (Academy of Science Fiction, Fantasy & Horror Films) il film di Amenàbar ottiene il premio come Miglior film horror, quello a Nicole Kidman per la migliore attrice protagonista e quello per la miglior sceneggiatura originale allo stesso Alejandro Amenàbar.

The Others
Nicole Kidman in una scena del film diretto da Alejandro Amènabar – photo credits: web
La drammatica storia di Grace Stewart

Il film di Amenabàr è ambientato nell’isola di Jersey a ridosso della seconda guerra mondiale. Grace è rimasta vedova in seguito alla tragica scomparsa del marito e padre dei suoi bambini Anne e Nicolas. Da quel momento la giovane donna si è letteralmente chiusa all’interno della sua vecchia e grande dimora.

Alejandro Amenabàr fotografa uno spaccato storico interessante avvolgendo Nicole Kidman in una trama misteriosa e ricca di spunti narrativi coinvolgenti. The Others ci accompagna lungo il risveglio da un incubo. Scoprire la verità è sconvolgente, e Amenabàr affida l’arduo compito dello stravolgimento psicologico agli occhi della Kidman, al tempo una giovane Grace Kelly del futuro.

The Others
Nicole Kidman in una scena del film diretto da Amenabàr – photo credits: web

Come se ciò non bastasse, i figli della famiglia Stewart, Anne e Nicolas, soffrono di una strana malattia che non gli permette di vivere alla luce del sole. Anne e Nicolas sono costretti così a giocare nel buio della grande casa. Alejandro Amenabàr gioca nel buio rendendo le atmosfere di The Others progressivamente più inquietanti.

“Il più delle volte vi muoverete in stanze buie”

L’unica cosa che si muove nella casa della famiglia Stewart è la luce, e proprio questo è l’elemento cardine del film, insieme alla nebbia e alla dannazione dell’eternità. Una direzione della fotografia particolarmente narrativa inquadra sin dai primi fotogrammi il tema della vicenda. Corriamo per i lunghi androni della casa degli Stewart, attraversiamo la stanza della musica in compagnia della nuova servitù, accendiamo candele, preghiamo, chiudiamo le tende e ci perdiamo nel terrore di vecchie stanze in disuso avvolte da lenzuoli che sembrano incantati dal terrore.

The Others
L’attrice premio Oscar in un fotogramma del cult diretto nel 2001 da Alejandro Amenabàr – photo credits: web
“Non aprite le tende per nessun motivo”

La scoperta della verità è un tradimento persino agli occhi dei personaggi, vittime di misticismo, che interpretano con apparente semplicità i loro ingenui destini. La costruzione narrativa di The Others ricorda a tal proposito un cult del genere: Il sesto senso di M. Night Shyamalan. The Others strizza però l’occhio anche a produzioni come Il Mistero di Sleepy Hollow, Mystic River e L’avvocato del Diavolo.

“Se vedi un fantasma gli dici ciao”

“Pene atroci per sempre”

Perché recuperare The Others? Per la sua semplicità e la dimestichezza della macchina da presa all’interno di un vasto spazio quasi costantemente interno. Il movimento e ogni gesto compiuto dai personaggi ha una finalità: coinvolgere lo spettatore in una trama dai risvolti drammatici, confonderlo, persuaderlo, sedurlo per poi riportarlo in vita, o quasi. Pura classe per amanti di questo filone cinematografico. Un esempio che dovrebbe essere sempre nel ricordo di chi come Amenabàr tenta di sperimentare nuove strade del terrore contemporaneo.

Silvia Pompi

Titolo originale: The Others
Regia: Alejandro Amenábar
Paese/anno: Italia, Spagna, Stati Uniti / 2001
Durata: 101’
Genere: Horror, Thriller
Cast: Alakina Mann, Christopher Eccleston, Elaine Cassidy, Eric Sykes, Fionnula Flanagan, Gordon Reid, James Bentley, Nicole Kidman, Renée Asherson
Sceneggiatura: Alejandro Amenábar
Fotografia: Javier Aguirresarobe
Montaggio: Nacho Ruiz Capillas
Musiche: Alejandro Amenábar
Produttore: Eduardo Chapero-Jackson, Fernando Bovaira, José Luis Cuerda, Sunmin Park
Casa di Produzione: Cruise/Wagner Productions, Sogecine
Distribuzione: Lucky Red

Data di uscita: 10/08/2001

Silvia Pompi

Nasco nel 1990 a Roma in un tranquillo 12 aprile. Sono cresciuta a pizza da asporto e videocassette di genere horror grazie al supporto di un padre cultore del tema. Dopo una maturità classica presso il Liceo Benedetto Da Norcia nel quartiere prenestino labicano, mi iscrivo alla Facoltà di Lettere e filosofia di Roma Tor Vergata, laureandomi in Discipline delle arti, della musica e dello Spettacolo con il prof.ssor Giovanni Spagnoletti. Successivamente mi specializzo in Scienze dello Spettacolo e Produzione Multimediale con 110 e lode. Le mie tesi sperimentali parlano chiaro: mi piace la saggistica specializzata in Storia, analisi e critica del cinema, soprattutto americano. Ho analizzato il concetto di Nostalgia esteso nel campo cinematografico, trattando il caso dei remake, dei reboots. Mi sono specializzata poi nel concetto di "Idolo, Icona e Divo contemporaneo". Curo questa passione sebbene sia difficile farne una professione, ma non demordo e nel frattempo mi sono specializzata nel campo dell'educazione e della pedagogia infantile. Nel tempo libero scatto fotografie e corro. Film preferiti: Donnie Darko, American Beauty, L'attimo Fuggente, Big Fish, L'esorcista, La Casa, Shining, Horror contemporanei da non perdere: Midsommar, The Witch, Hereditary, Geo Out, Us. Motto per la vita: "La fortuna aiuta gli audaci".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *