THE BOOK OF BOBA FETT 1X04 – LA TEMPESTA INCOMBE

THE BOOK OF BOBA FETT 1X04 – LA TEMPESTA INCOMBE

In questo quarto episodio, The Book of Boba Fett sembra prendere finalmente quota, raccontando l’incontro tra Boba e la sua alleata Fennec Shand e inserendo alcuni evidenti richiami all’universo di Star Wars, finora messo troppo tra parentesi. Su Disney+.

Pubblicità

E finalmente luce fu. Ci sono voluti tre episodi di eterna introduzione e scarso interesse per arrivare ad ascoltare la voce di Temuera Morrison dire alla sua futura alleata Fennec Shand “il mio nome è Boba Fett”. Può sembrare solo un piccolo particolare ma, in realtà, è l’elemento che sembra avviare effettivamente la narrazione verso una direzione, indubbiamente ricca d’incognite, ma precisa nella sua traiettoria. All’inizio di questo La tempesta incombe, nuovo episodio di The Book of Boba Fett, torniamo infatti cronologicamente verso un passato in cui il protagonista assume il ruolo di eroe solitario immerso in atmosfere western cariche di pathos. Questa volta, però, dopo aver visto lo sterminio dei tusken, il suo volto non è più una maschera impenetrabile ma trasmette un dolore condiviso per la fine dell’unico mondo che lo aveva accolto.

Per questo motivo, dunque, quando viene fotografato a cavallo del suo banta mentre il sole tramonta alle spalle, rappresenta l’eroe solitario per eccellenza il cui scopo è dare pace a un tormento interiore e riscattare le uniche creature che gli hanno offerto una riconoscibilità come essere umano accogliendolo all’interno di una tribù. Un sentimento e un tormento che finalmente attribuiscono al personaggio un’anima forte, anche se non ancora ben definita. Oltre a questo inaspettato aspetto emotivo, poi, la narrazione si arricchisce grazie all’entrata in scena della mercenaria Fennec Shand, interpretata da Ming-Na Wen. In realtà il suo personaggio è presente fin dal primo episodio come fedele alleata di Boba Fett. Nonostante questo, però, la natura del loro rapporto non era ancora stata chiarita, come gli eventi che li hanno resi complici. Così, dopo averle salvato la vita grazie all’intervento di un modificatore, Boba trova finalmente qualcuno con cui condividere l’avventura e, soprattutto, il bisogno di appartenere a un gruppo famigliare o sociale. Grazie alla loro collaborazione, dunque, la narrazione assume finalmente un ritmo più sincopato, dove l’action e il confronto dialettico costruiscono un impianto in cui il tempo non è più sospeso in una attesa infinita.

Sognando il Millennium Falcon

The Book of Boba Fett 1x04 recensione

The Book of Boba Fett è stato presentato fin dall’inizio come uno spin–off di Guerre stellari, ma nessun episodio, finora, aveva effettivamente mostrato di appartenere a questo universo, nonostante alcuni piccoli rimandi. La situazione cambia nettamente con il quarto capitolo in cui, grazie al recupero di una nave spaziale, il tempo sembra aver fatto un salto evidente fino a quel primo e storico Star Wars. Così, mentre Boba Fett tenta di riappropriarsi del suo mezzo insieme a Fennec Shand, la mente e lo sguardo ritorna automaticamente al tentativo di recuperare il Millenium Falcon dopo aver salvato Leia dalle mani di Darth Vader. Ci troviamo, probabilmente, in uno dei momenti più epici di tutta la saga. Qui, infatti,un giovane Luke vede morire la sua guida Obi One Kenobi che, in questo modo, lo spinge automaticamente a diventare protagonista della vicenda scoprendo le sue possibilità.

Il recupero messo in scena da Robert Rodriguez è sicuramente meno scenografico, e soprattutto poco carico di emotività e significato ma, nell’organizzazione degli eventi e nella gestione dell’azione, crea un evidente legame con la tradizione. Un omaggio che, però, non rimane sicuramente unico. Basta attendere pochi frame per trovarsi nuovamente in un’ambientazione nota. Si tratta del pozzo di Sarlaac dove Boba Fett cerca di recuperare la sua armatura. A salvarli dai tentacoli di questa misteriosa creatura delle sabbie, è l’ingegno di Fennec che, come accade ne Il ritorno dello Jedi, non trova altra soluzione che colpirla. In questo caso, dunque, più che i rimandi ai diversi generi evidenziati nei capitoli precedenti, questo quarto capitolo dichiara apertamente la sua appartenenza a un’epica e, soprattutto, termina con una sospensione narrativa capace di creare finalmente aspettative.

Le influenze Disney

The Book of Boba Fett 1x04 recensione

Nonostante abbia chiaramente rivendicato di essere una creatura legata a doppio filo con la saga di Star Wars, però, The Book of Boba Fett è soprattutto un prodotto Disney. E si sente, senza alcuna ombra di dubbio. A essere completamente sinceri quest’aspetto è l’unico elemento negativo da imputare al quarto episodio. Ma in cosa consiste esattamente? Nella necessità, per esempio, d’inserire sempre una creatura dalle fattezze innocue e amorevoli senza che questo apporti nessun tipo di valore aggiunto alla narrazione. È pur vero che il mondo di Star Wars non è certo nuovo a questo tipo di gestione dei personaggi, ma il ruolo svolto, per esempio, dai droidi C-3PO, RD–D2 e BB8 è funzionale all’intera vicenda e trova una ragione di essere all’interno di un’intera trilogia. In questo caso, invece, l’interpretazione sempre volutamente ludica della produzione Disney sembra aver imposto l’inserimento di scene forzatamente “simpatiche” con al suo interno droidi chef o cacciatori di topi. Una scelta che, onestamente, spesso non si amalgama alla perfezione con l’atmosfera creata, risultando sempre posticcia e troppo costruita.

The Book of Boba Fett 1X01 poster locandina

Scheda

Titolo originale: The Book of Boba Fett 1×04: The Gathering Storm
Regia: Bryce Dallas Howard
Paese/anno: Stati Uniti / 2022
Durata: 48’
Genere: Avventura, Fantascienza
Cast: Carey Jones, Collin Hymes, Daniel Logan, Danny Trejo, David Pasquesi, Frank Trigg, Galen Howard, Jennifer Beals, Joanna Bennett, Jordan Bolger, Matt Berry, Ming-Na Wen, Murphy Patrick Martin, Sophie Thatcher, Stephen Root, Temuera Morrison, Wesley Kimmel, Xavier Jimenez
Sceneggiatura: Jon Favreau, Noah Kloor
Fotografia: Dean Cundey
Montaggio: Jeff Seibenick
Musiche: Ludwig Göransson, Joseph Shirley
Produttore: Kathleen Kennedy, John Bartnicki, John Hampian, Dave Filoni
Casa di Produzione: Lucasfilm
Distribuzione: Disney+

Data di uscita: 19/01/2022

Pubblicità

Trailer

Pubblicità
Tiziana Morganti
Fin da bambina, ho sempre desiderato raccontare storie. Ed eccomi qui, dopo un po’ di tempo, a fare proprio quello che desideravo, narrando o reinterpretando il mondo immaginato da altri. Da quando ho iniziato a occuparmi di giornalismo, ho capito che la lieve profondità del cinema era il mio luogo naturale. E non poteva essere altrimenti, visto che, grazie a mia madre, sono cresciuta a pane, musical, suspense di Hitchcock, animazioni Disney e le galassie lontane lontane di Star Wars; e un ruolo importante l’ha avuto anche il romanticismo di Truffaut. Nel tempo sono diventata giornalista pubblicista; da Radio Incontro e il giornale locale La voce di Roma, passando per altri magazine cinematografici come Movieplayer e il blog al femminile Smackonline, ho capito che ciò che conta è avere una struggente passione per questo lavoro. D’altronde, viste le difficoltà e le frustrazioni che spesso s’incontrano, serve un grande amore per continuare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.