HILL OF VISION, VIDEOINTERVISTA AL REGISTA ROBERTO FAENZA E ALL’ATTRICE ROSA DILETTA ROSSI

HILL OF VISION, VIDEOINTERVISTA AL REGISTA ROBERTO FAENZA E ALL’ATTRICE ROSA DILETTA ROSSI

Nell’ambito della presentazione alla stampa del film Hill of Vision, abbiamo incontrato il regista Roberto Faenza e l’attrice Rosa Diletta Rossi. Il film sarà in sala dal 16 giugno.

Pubblicità

Nel 2007 il ricercatore Mario Capecchi ha ricevuto il Nobel per la Medicina, ma nessuno conosceva nel dettaglio la sua storia personale. Una vicenda avventurosa e dai toni drammatici che, partendo da un’Italia piegata dal secondo conflitto mondiale, arriva fino negli Stati Uniti, seguendo i passi di un ragazzino che definire sopravvissuto e vincente è un eufemismo. Quel bambino è proprio Mario Capecchi che, contro ogni previsione, è riuscito a conquistare per se stesso una vita migliore, dimostrando come veramente tutto sia possibile. Un messaggio di grande speranza che oggi si è concretizzato nel film Hill of Vision, prodotto da Jean Vigo Italia, Rhino Films, Rai Cinema e Milena Canonero e distribuito da Altre Storie dal 16 giugno. A parlare con noi di questa esperienza e del suo significato ci sono il regista Roberto Faenza e l’attrice Rosa Diletta Rossi.

Guarda la videointervista

Pubblicità
Tiziana Morganti
Fin da bambina, ho sempre desiderato raccontare storie. Ed eccomi qui, dopo un po’ di tempo, a fare proprio quello che desideravo, narrando o reinterpretando il mondo immaginato da altri. Da quando ho iniziato a occuparmi di giornalismo, ho capito che la lieve profondità del cinema era il mio luogo naturale. E non poteva essere altrimenti, visto che, grazie a mia madre, sono cresciuta a pane, musical, suspense di Hitchcock, animazioni Disney e le galassie lontane lontane di Star Wars; e un ruolo importante l’ha avuto anche il romanticismo di Truffaut. Nel tempo sono diventata giornalista pubblicista; da Radio Incontro e il giornale locale La voce di Roma, passando per altri magazine cinematografici come Movieplayer e il blog al femminile Smackonline, ho capito che ciò che conta è avere una struggente passione per questo lavoro. D’altronde, viste le difficoltà e le frustrazioni che spesso s’incontrano, serve un grande amore per continuare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.